• Abbonati
Bergamo segreta

Il Ponte di Attone, un viadotto a cavallo fra passato e presente

Nuova puntata della rubrica domenicale di BGY che fa tappa sulle sponde del torrente Imagna

Stabilità e curiosità: sono queste le due principali sensazioni che si respirano camminando sul Ponte di Attone.

Incastonato fra i boschi che accompagnano il torrente Imagna verso il congiungimento con il fiume Brembo, il viadotto è il simbolo di un paesaggio misterioso quanto affascinante.

Voluta secondo la tradizione dal conte di Lecco Attone di Guiberto, l’opera risalirebbe al X secolo, periodo in cui la stessa rappresentava l’unica via per raggiungere la Val Brembana da cui passavano gran parte dei collegamenti commerciali con la Valtellina e di conseguenza con i Grigioni.

A rappresentare l’importanza della struttura a livello economico vi sono la torre della dogana, utilizzata per controllare il transito lungo il ponte e per riscuotere la “gabella” (tassa imposta a chi superava la l’infrastruttura), ma anche i resti del porto dove sostavano i traghetti che attraversavano il corso d’acqua e da cui è visibile la celebre passerella in legno.

Costruito in pietra con un unico arco, il ponte rappresentava inoltre un punto fondamentale per la difesa dell’area circostante come testimoniato ancora oggi dai pilastri a foggia di merli che un tempo sorreggevano i cancelli.

Il viadotto iniziò a perdere importanza attorno alla fine del Cinquecento quando i Veneziani decisero di costruire la Via Priula che consentiva di raggiungere le Orobie superando direttamente l’ostacolo rappresentato dalle Gole di Sedrina.

Divenuto gradualmente un collegamento periferico, il ponte di Attone ha avuto modo di rimanere in parte riparato dall’avanzata inesorabile del progresso, conservando così quell’antico fascino che lo contraddistingue.

Fonti

Anna Fusco, Denis Pianetti; Alla scoperta dei canyon bergamaschi; Bergamo; Corponove; 2010

Flavio Conti, Vincenzo Hybsch, Antonello Vincenti; I castelli della Lombardia; Novara; Istituto geografico De Agostini; 1990

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI