Quantcast
Contro l'odio, l’Unione delle Comunità Romanès in Italia sostiene il Ddl Zan - BergamoNews
La posizione

Contro l’odio, l’Unione delle Comunità Romanès in Italia sostiene il Ddl Zan

"Abbiamo affrontato insieme i campi di concentramento ed eravamo tra i più discriminati - dichiara Gennaro Spinelli, presidente Ucri - oggi siamo ancora tra le minoranze più discriminate”.

L’Unione delle Comunità Romanès in Italia (Ucri) – associazione che rappresenta più di 50 organizzazioni di rom e sinti – ha preso posizione a favore del Ddl Zan contro omotransfobia, misoginia e abilismo, aderendo alla campagna “Diamoci una mano” del mensile Vanity Fair, pubblicando sulla propria pagina Facebook una foto dei suoi componenti e attraverso un’intervista all’associazione Lgbtqia+ interculturale Il Grande Colibrì.

“Abbiamo affrontato insieme i campi di concentramento ed eravamo tra i più discriminati – dichiara Gennaro Spinelli, presidente Ucri – oggi siamo ancora tra le minoranze più discriminate”.
“Sosteniamo con convinzione il Ddl Zan – continua Spinelli – perché crediamo nella pluralità delle differenze come ricchezza e non come ostacolo, crediamo fermamente che vi sia bisogno di costruire ponti e abbattere i muri dei pregiudizi e degli stereotipi”.

“La posizione di Ucri – dichiara Ervin Bajrami, attivista Rom e Lgbtqia+ nel direttivo de Il Grande Colibrì – è importantissima. Direi che è una posizione storica. Parla a tant* di noi, rom e Lgbtqia+, e ci invita a prendere posizione, a uscire fuori, a essere noi stess*. L’intersezionalità è l’unico strumento che abbiamo per uscirne tutt* vincenti”.

UCRI (Unione delle Comunità Romanès in Italia) è un’associazione di fatto, una federazione effettiva che al suo interno racchiude più di cinquanta organizzazioni diverse unite per principi e valori comuni volti alla lotta per i diritti umani non solo dei rom e dei sinti ma universali e lo fa in maniera pragmatica senza alcun scopo di lucro.

Il Grande Colibrì è un’associazione di volontariato a favore delle persone Lgbtqia che vuole fare emergere e raccontare l’importanza delle altre differenze (etniche, nazionali, culturali, religiose, sociali, relazionali, sessuali…), che si intersecano con quelle legate all’orientamento sessuale e all’identità di genere.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI