Quantcast
Riaperture: approvato il decreto, ma il coprifuoco resta alle 22 - BergamoNews
Le misure

Riaperture: approvato il decreto, ma il coprifuoco resta alle 22

Il governo dà il via libera al nuovo dl Covid che regolerà le misure in vigore a partire dal 26 aprile: ristoranti aperti anche al chiuso dal primo giugno, posticipato al 31 luglio lo stato di emergenza

Via libera del Consiglio dei ministri al nuovo decreto Covid che definisce il calendario delle riaperture.

Il coprifuoco rimane alle 22, come confermato dal presidente del Consiglio Mario Draghi. Non passa dunque la linea del leader della Lega Matteo Salvini, con il Carroccio che decide di astenersi.

Il nodo del coprifuoco è quello che più di tutti ha creato la spaccatura: i governatori e Salvini lo volevano spostare alle 23, ma il governo è rimasto fermo sulla sua posizione. Il coprifuoco resta alle 22 almeno fino al primo giugno, poi potrà essere rivalutato sulla base dell’andamento della pandemia.

Il decreto, tra le altre cose, posticipa al 31 luglio lo stato di emergenza. I ristoranti e i bar in zona gialla riaprono all’aperto a pranzo e a cena, mentre sarà possibile sedersi ai tavoli nei ristoranti al chiuso solo dal primo giugno.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Controlli locale
Il decreto
Il “pass verde” per spostarsi in regioni rosse o arancioni: come funziona
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI