Orio, all'aeroporto arriva la cabina di sanificazione: "Abbatte il virus su abiti, borse e bagagli" - BergamoNews
Verso la ripresa dei voli

Orio, all’aeroporto arriva la cabina di sanificazione: “Abbatte il virus su abiti, borse e bagagli”

All’ingresso della porta 4 dello scalo, punto unico di accesso all’aerostazione

Sacbo, la società che gestisce l’aeroporto di Orio al Serio, ha deciso di rafforzare i dispositivi e affinare le procedure in materia di protocolli di sicurezza sanitaria anti Covid-19, in vista della graduale ripresa dei flussi di viaggiatori.

All’ingresso della porta 4 dello scalo, punto unico di accesso all’aerostazione, è stata installata la cabina di sanificazione sviluppata dall’azienda bergamasca Wmem, nell’ambito del progetto “Be Safe”, condiviso con altre aziende del territorio.

Si tratta di un dispositivo di sanificazione individuale, già utilizzato durante i mondiali di sci alpino Cortina 2021, studiato per abbattere la carica batterica e virale presente su tutte le superfici della persona (abiti, borse e bagagli, scarpe, occhiali) che entrano in contatto con la nebbia sanificante.

 

 

Il processo di sanificazione avviene attraverso l’atomizzazione di un prodotto atossico
(Sanapur), 100% naturale e biodegradabile, che crea una nebbia fredda in grado di agire rapidamente, dagli 8 ai 10 secondi.

Le particelle di sanificante vengono frammentate in milioni di microparticelle, senza danneggiare eventuali apparecchiature elettroniche, lasciando la persona completamente asciutta, la qual cosa non avviene con l’utilizzo di normali sistemi di nebulizzazione.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it