SuperLega? Gigi Pizzaballa non ci sta: "Pazzesco, è la distorsione dello sport" - BergamoNews
L'intervista

SuperLega? Gigi Pizzaballa non ci sta: “Pazzesco, è la distorsione dello sport”

L'angelo biondo attacca l'iniziativa delle dodici big europee: "È degradante, così si svuota l'entusiasmo del calcio per iniziativa di un gruppo di club indebitati"

Ma voi ve la immaginate la figurina introvabile della/nella Superlega? Cioè quella di Gigi Pizzaballa? Anche no. All'”angelo biondo” (come chiamavano allora il portierone nerazzurro) quando sente parlare di Super Lega viene l’orticaria. La prima reazione? “Non so cosa dire e pensare, è la distorsione di dove va lo sport. Prima fanno i debiti e poi…e poi pensano: noi siamo la élite del calcio e facciamo quello che vogliamo”.

Durissimo, Pizzaballa: il numero uno che difendendo la porta dell’Atalanta ha vinto la Coppa Italia nel 1963, quell’Atalanta che ora potrebbe riconquistare quel trofeo. Ah, tra l’altro, se dovessero essere escluse dalla Serie A le tre ‘dissidenti’, Inter, Milan e Juve, praticamente l’Atalanta vincerebbe scudetto e Coppa Italia in un colpo solo. Ci pensa, Pizzaballa? Ride, sembra talmente assurdo: “In effetti è pazzesco”.

Scusi, ma il merito sportivo poi, nella Superlega, che fine farebbe? “Certo, non ha più senso. Ogni passo serve solo per fare più introiti e gestire più denaro, rimediare ai debiti”.

Infatti i promotori, Real e Barcellona, la stessa Juve, hanno qualche pensiero, basti guardare al costo di Ronaldo. “E perciò invece che promuovere l’attività sportiva per tutti… Ma dove va a finire lo sport? Per noi che abbiamo avuto un’attività quasi amatoriale, ora siamo alla follia, non si sa più quanto vale e quanto guadagna un giocatore. Siamo arrivati all’assurdità, già non andando allo stadio e vedere le partite solo in tv…per noi abituati a vivere le emozioni dal vivo è già triste così. Certo, almeno in questo caso non è colpa di nessuno”.

Ma questa strada che porta alla Super Lega, che effetti provoca? Così si uccide lo sport? “Eh magari qualcuno invece si esalta. Però secondo me così si uccide lo sport, non ha più senso: come se al Giro d’Italia partissero solo i primi venti o come se l’Atalanta che in tre-quattro anni ha fatto passi da gigante, lavorando bene con il suo presidente, un allenatore capace, giocatori scelti bene e tutto questo lavoro che fine farebbe? Che senso ha?”.

leggi anche
  • La rivoluzione
    SuperLega, uno schiaffo alla storia del calcio: che Serie A sarebbe senza Atalanta-Juve?
    Super Lega

Amarissimo, Pizzaballa. Pare di capire che in Super Lega si vada quindi solo per fare più soldi, altro che calcio spettacolo: “Esatto. E per vincerla devono reinvestire tutto quello che guadagnano, penso per esempio alle italiane che non sono le top. Ma è degradante, così si svuota l’entusiasmo del calcio per iniziativa di un gruppo di club indebitati”.

E le parole di Agnelli sull’Atalanta che secondo lui non meritava di stare in Champions? “Mentre invece l’Atalanta ha fatto grandi passi avanti e loro tanti indietro. Per carità, avranno le loro motivazioni, però così si vede solo l’interesse economico. E poi stiamo a parlare di attività sportive? Così offendono l’attività sportiva, togliendo il merito al calcio. Un calcio senza merito è degradante, voluto dai prepotenti: una prepotenza sportiva”.

Il punto interrogativo sarebbero i giocatori: “Cosa faranno? Se avranno offerte molto allettanti da questi club non credo che ci penseranno molto ad andarci. E allora l’Atalanta e altre società non potranno competere, così verrebbero smantellati club che stanno crescendo”.

leggi anche
  • Novità e polemiche
    Nasce la Super Lega calcio con i 12 club più potenti e ricchi d’Europa
    pallone calcio ok (arseny-togulev unsplash)

Continua Pizzaballa: “Si è sempre detto che il calcio è un’attività popolare, però così non lo sarà più, se le squadre saranno sempre le stesse che si affrontano. Noi che abbiamo giocato 20-25 anni in uno sport per piacere, per la nostra città? Così diventa solo speculazione, però non chiamiamolo più sport. Quando leggi queste notizie e senti parlare di sport ti viene male, non è bello. Nello sport il fattore sorpresa conta molto, se diventa tutto scontato e già deciso, non ha senso”.

Il discorso torna all’Atalanta: “Quando mai potremo allora rivedere e rivivere la sorpresa della Juve che ha paura di giocare contro l’Atalanta? E speriamo che questa sorpresa continui nella finale di Coppa. Forse le vittorie dell’Atalanta danno fastidio e allora certi club dovevamo trovare il modo di rifarsi. Ma questa” conclude Pizzaballa “notizia della Superlega è una batosta per lo sport, è tutto negativo. Lo sport deve avere un’apertura diversa e un’accoglienza diversa per tutti”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it