Quantcast
Bergamo, le donne guadagnano il 30% in meno degli uomini - BergamoNews
La ricerca

Bergamo, le donne guadagnano il 30% in meno degli uomini

Il risultato della ricerca sui dati Caf Cisl Bergamo del 2020 sugli stipendi bergamaschi. Il segretario generale Francesco Corna: “Servono risorse e politiche europee e nazionali per uscirne”

Continua a allargarsi a Bergamo la forbice dei redditi da lavoro tra uomini e donne: in media, secondo i dati del Caf di via Carnovali elaborati dall’Osservatorio Cisl, risulta che lo stipendio femminile è del 30% circa più povero di quello maschile, e che nel corso di un anno, la retribuzione maschile è cresciuta del 67% in più rispetto a quella delle colleghe donne. Una profonda disparità salariale.

Lo studio ha analizzato i modelli 730 presentati lo scorso anno nei vari punti di raccolta che il Caf Cisl dispone su tutto il territorio provinciale. Sono 42mila le dichiarazioni presentate da lavoratori dipendenti (erano 46mila l’anno precedente), e da queste emerge che il reddito medio delle lavoratrici bergamasche dipendenti, infatti, è di 22.017, mentre quello dei lavoratori supera i 30mila (30.473). Sono quindi 8456 euro, in media, a distanziare lo stipendio maschile da quello femminile, e in un anno la differenza è ulteriormente cresciuta di 177 euro, sempre a sfavore del genere femminile, che rispetto allo scorso anno ha avuto un aumento medio di 367 euro contro i 544 che hanno arricchito la busta paga dei colleghi uomini.

Anche quest’anno, dunque, il gap salariale tra i generi si è ampliato.

Part time “obbligato” per la cura della famiglia; mansioni meno qualificate; interruzioni di carriere per le maternità; la grande maggioranza di donne tra i contratti precari: le cause di una disparità che da ogni parte si vuole combattere sono tante, e la situazione, poi, si ripercuote anche nelle pensioni che a Bergamo segna una differenza tra generi ancora più marcata, dal momento che l’assegno “rosa” è la metà di quello maschile.

“Servono interventi e misure sia a livello nazionale che locale per sostenere le politiche di conciliazione vita lavoro per non penalizzare soprattutto le donne – dice Francesco Corna, segretario generale Cisl Bergamo -. Va nella giusta direzione il Family Act che prevede, tra le altre cose, un assegno mensile universale per tutti i figli fino all’età adulta, sconti per gli asili, agevolazioni per gli affitti delle coppie composte da under 35, detrazioni fiscali delle spese dell’affitto per i figli maggiorenni iscritti a un corso universitario. È positivo pure l’incremento delle risorse per la conciliazione che si deve perseguire anche attraverso la contrattazione ad ogni livello; inoltre è necessario utilizzare gli aiuti economici dell’Unione Europea per strutturare i servizi per le famiglie, come hanno fatto in altri paesi europei, altrimenti senza questi interventi le disparità non potranno essere eliminate”.

STIPENDI DONNE

 

STIPENDI DONNE

 

STIPENDI DONNE

 

STIPENDI DONNE
Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI