Incontri e una mostra per i 120 anni della Cgil Bergamo - BergamoNews
L'anniversario

Incontri e una mostra per i 120 anni della Cgil Bergamo

“Passato, presente e futuro”, mercoledì 21 aprile con Maurizio Landini. I racconti degli ultimi cinque segretari generali provinciali si intrecciano ai quesiti di giovani lavoratori

Dal 1901 al 2021 la strada è stata lunga, a volte accidentata, ma anche straordinariamente avvincente e bella: la CGIL di Bergamo compie 120 anni, una storia che ancora non è finita, densa di impegno, lotte, diritti da rivendicare e garantire.

Per celebrare questo anniversario, il sindacato di via Garibaldi ha pensato a una serie di eventi, tra incontri su temi specifici (come quello già svolto con Nando Pagnoncelli e Gaetano Sateriale) e una mostra fotografica che verrà inaugurata a fine maggio sul Sentierone.

A 120 anni esatti dalla sua fondazione, il 21 aprile, cioè mercoledì prossimo, la CGIL invita tutti a un incontro speciale: avrà per titolo “Passato, presente e futuro” (inizio ore 10) e farà dialogare giovani lavoratori (tre ragazze e un ragazzo) con Maurizio Landini, segretario generale della CGIL nazionale. Introdurrà l’evento Gianni Peracchi, segretario generale della CGIL di Bergamo e, dopo i saluti delle autorità e del nuovo segretario generale della CGIL Lombardia Alessandro Pagano, sono previsti gli interventi di Giacinto Brighenti, Giovanni Barbieri, Maurizio Laini e Luigi Bresciani che hanno guidato la CGIL provinciale dagli anni Ottanta ai primi anni 2000.

La visione dell’evento in diretta sarà possibile sui canali social della CGIL di Bergamo Facebook, YouTube e Instagram. Verranno messe in onda anche immagini dell’archivio storico della Biblioteca “Di Vittorio”, documenti che vengono dal passato, montati per l’occasione.

La Camera del Lavoro di Bergamo è stata costituita il 21 aprile del 1901 con la sua sede provvisoria nei locali della Società di Mutuo Soccorso in via Zambonate dai rappresentanti della Federazione del libro, della Federazione dei litografi, della Federazione muraria, della Società lavoranti fornai, della Società di miglioramento fra i metallurgici, fra i falegnami, fra i marmisti e affini, della Cooperativa muraria e della Cooperativa lavoranti in ceppo di Brembate.

“Anche se comunicheremo in remoto, abbiamo scelto, per questo evento, di essere proprio nella sede del Mutuo Soccorso da cui la nostra storia è cominciata” ha detto oggi Gianni Peracchi, segretario generale della CGIL di Bergamo. “Quando abbiamo provato a immaginare la celebrazione di questo anniversario, abbiamo pensato a un filo rosso che caratterizzasse una serie di eventi, ricerche e approfondimenti lungo l’intero corso dell’anno. Ciò con la piena consapevolezza del difficile, drammatico, momento che stiamo attraversando per via della pandemia che, qui da noi, è esplosa con una virulenza incomparabile. È il tempo di un presente complicato che non ci ha però fatto desistere dal rivolgere uno sguardo al passato per trovare forza ed incoraggiamento ad andare avanti”.

Per avere un’idea dell’epoca in cui la CGIL ha mosso i primi passi, può essere di grande utilità dare uno sguardo al primo Statuto della Camera del Lavoro: ad essa veniva riconosciuto lo scopo “di servire d’intermediario fra l’offerta e la domanda del lavoro di patrocinare gli interessi dei lavoratori salariati in tutte le contingenze della vita, e ciò con i seguenti mezzi:
a) mettendo a contatto e in permanente rapporto fra loro tutti i lavoratori salariati per educarli praticamente alla fratellanza, alla solidarietà e al mutuo appoggio;
b)organizzando un servizio d’informazione sulle condizioni del mercato del lavoro (ricorrendo ai Comuni, alle Camere di Commercio, alle Camere di lavoro nazionali ed estere) per indicare i paesi nei quali la mano d’opera sia richiesta e più retribuita;
c) stabilendo le condizioni del lavoro; promovendo leggi efficaci sul lavoro delle donne e dei bambini; curando la stretta applicazione delle leggi sociali, e cercando che le leggi stesse rispondano allo scopo che il lavoro sia contemperato alle esigenze dell’igiene; difendendo il lavoro della donna in modo tale che, a parità di produzione, sia retribuita in egual misura dell’uomo. Studiando, infine, tutti quei mezzi che valgano ad elevare le condizioni economiche, il carattere intellettuale, morale e tecnico dei lavoratori salariati”.

La vita della Camera del Lavoro di Bergamo ha subito una brusca interruzione con l’avvento del fascismo, che ne decretò lo scioglimento forzato. Ma già prima era stata travolta dallo scontro tra riformisti e rivoluzionari, conoscendo un lungo periodo d’inattività dal 1904 al 1914, nonostante i ripetuti tentativi per rimetterla in azione e lo sforzo di numerosi sindacalisti per organizzare comunque le lotte dei lavoratori bergamaschi.

Il 15 gennaio 1923 la sezione della FIOM di Lovere viene assalita dai fascisti, che picchiano i dirigenti sindacali presenti e distruggono l’archivio. Un gesto non isolato ma simbolico del lungo periodo di clandestinità che inizia con la dittatura, in cui però i fili tessuti in questi anni, pur controversi e intricati, non si interromperanno: molti dei nomi dei primi organizzatori sindacali si ritroveranno tra quelli dei partigiani combattenti e degli antifascisti militanti. La vita sindacale riprende in maniera significativa in occasione degli scioperi del marzo 1944, almeno da parte di alcune tra le realtà operaie più importanti. Incrociano le braccia anche i dipendenti degli uffici commerciali e di numerose banche: alla fine circa 7500 sono i bergamaschi che mostrano apertamente la loro distanza dal regime.

(Testo storico a cura della Biblioteca “Di Vittorio” della CGIL di Bergamo. Qui di seguito segnalo il link alla ricostruzione completa)

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it