“Cara università, ci sentiamo abbandonati: ci manchi” - BergamoNews

“Cara università, ci sentiamo abbandonati: ci manchi”

È passato più di un anno dall’ultima lezione tra le mura universitarie: da allora gli studenti vivono un senso di abbandono

Cara università, credo di parlare a nome di tutti noi studenti italiani per dirti che ci manchi.

Ci manca tutto di te: il viaggio per raggiungerti, le lezioni sedute su quelle sedie scomode, la mensa dove mangiare e chiacchierare con i nostri compagni, la biblioteca, il caffè alle macchinette e i: “Ma tu hai capito?” sussurrati durante le lezioni.

Potrei proseguire con elenco infinito, ma tutto questo per dire cosa? Per dire che siamo stanchi; per dire che abbiamo gli occhi appesantiti per la luce del display di un computer che non potrà mai sostituirti per davvero; siamo stanchi di dover continuare a pagare la retta universitaria, come se nulla nelle nostre vite fosse cambiato.

Siamo esausti di non venire presi in considerazione; esausti di essere sempre lasciati in disparte.

Molti miei colleghi hanno ottenuto la laurea davanti ad uno schermo, credimi se ti dico che non è stato del tutto entusiasmante.

Siamo umani e abbiamo bisogno di qualcuno che ci ascolti; di qualcuno che capisca per davvero quanto questa situazione sia per tutti noi estremamente frustrante.

Noi siamo le menti del futuro, delle menti che però, da un anno a questa parte, stanno perdendo la voglia di fare. Come possiamo essere stimolati senza nessuno che faccia un passo verso di noi e ci sproni ad andare avanti?

Cara università ci manchi e so che noi manchiamo a te.

Non ti mancano i nostri timori prima di un esame? Non ti mancano le nostre risate nelle pause tra una lezione e l’altra? Non ti mancano i nostri respiri di sollievo una volta terminata una prova per la quale non abbiamo dormito la notte precedente?

Cara università, noi siamo i tuoi colori, così come tu sei i nostri. Un’università senza studenti non funziona, così come noi fatichiamo a funzionare senza di te.

Cara università, abbiamo bisogno di te.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it