Era stato espulso nel 2019, i carabinieri lo trovano a Zingonia con la droga: arrestato - BergamoNews
L'operazione

Era stato espulso nel 2019, i carabinieri lo trovano a Zingonia con la droga: arrestato

Avrebbe dovuto rispettare un divieto di ingresso in Italia per 5 anni: fa parte di un sodalizio criminale dedito alla spaccio nell’area compresa tra lo stabile dell’ex pizzeria “da Enzo” ed il parcheggio di un supermercato di Ciserano.

Nella serata di mercoledì 14 aprile, i Carabinieri del Comando Compagnia di Treviglio hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di misura cautelare emessa lo scorso 19 marzo dal Tribunale di Bergamo a conclusione delle indagini condotte dall’Arma ed avviate dalla dipendente Tenenza di Zingonia.

Il destinatario del provvedimento è M.F., cittadino marocchino 32enne, pluripregiudicato in Italia senza fissa dimora e facente parte di un sodalizio criminale dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti ed operante prevalentemente nell’area compresa tra lo stabile dell’ex pizzeria “da Enzo” ed il parcheggio di un supermercato di Ciserano, oggetto alcuni giorni fa di un massivo intervento dei militari che, nell’occasione, avevano rintracciato ed arrestato gli altri extracomunitari destinatari di analogo provvedimento.

L’arrestato, a seguito di perquisizione personale è stato trovato in possesso di 19 grammi di hashish, reato per il quale dovrà rispondere all’Autorità Giudiziaria unitamente alla violazione del decreto di espulsione emesso nel 2019 dal Prefetto di Bergamo e a seguito del quale era già stato espulso con accompagnamento alla frontiera aerea di Milano-Malpensa con divieto di ritorno sul territorio nazionale per cinque anni.

Al termine delle operazioni, l’uomo è stato accompagnato in carcere a Bergamo dove resterà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa anche dell’udienza di convalida dell’arresto.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it