Dopo la caduta dei massi, riapre la Rivierasca sul lago d'Iseo - BergamoNews
L'annuncio

Dopo la caduta dei massi, riapre la Rivierasca sul lago d’Iseo

Dalle 17 di mercoledì (14 aprile). La strada era stata chiusa in seguito alla caduta dei due grandi massi in località Corno, avvenuta intorno alle 14 di domenica

Dalle 17 di mercoledì (14 aprile) riapre la Litoranea 469, meglio conosciuta come Rivierasca. Lo comunica il sindaco di Tavernola Bergamasca e lo conferma la Provincia che annuncia la riapertura della SP ex SS 469 tra le prog.ve km 18+000 – 18+400 in Comune di Predore.

“Della presente ordinanza – prosegue – sarà data comunicazione al comando della Polizia Stradale, nonché ai Comuni ed Enti interessati e verrà inoltre data la massima diffusione a mezzo stampa.

Avverso al presente provvedimento può proporsi ricorso avanti il competente T.A.R. oppure ricorso straordinario al Presidente della Repubblica rispettivamente entro il termine di 60 e 120 giorni dalla data di emissione dell’Ordinanza”.

La strada era stata chiusa in seguito alla caduta dei due grandi massi sull’asfalto della strada litoranea fra Predore e Tavernola in località Corno, avvenuta intorno alle 14 di domenica 11 aprile.

Più informazioni
leggi anche
  • Predore e tavernola
    Un altro masso incombe: rivierasca ancora chiusa, via alle corse in battello
    Massi Predore
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it