Mazzola, da oltre 40 anni punto di riferimento nel settore vendite e riparazioni moto - BergamoNews
Partner friends!

Mazzola, da oltre 40 anni punto di riferimento nel settore vendite e riparazioni moto

Dal 2014 concessionario ufficiale Suzuki, dal 2021 anche Triumph. Qui puoi trovare l’usato dei migliori marchi giapponesi ed europei, i migliori accessori presenti sul mercato, una vendita abbinata ad un servizio di officina post vendita, con personale aggiornato direttamente dalle case madri che rappresentano

Da tre generazioni sono un punto di riferimento nel settore vendita e riparazioni moto. Basti pensare che i primi passi li hanno mossi negli anni ’40, quando il nonno lavorava alla pompa di benzina nella piazza del paese. Negli anni sono cresciuti e oggi il loro quartier generale è un complesso di 2.000 metri in via Milano a Bonate Sopra, a pochi metri dall’ingresso dell’asse interurbano di Bergamo. Parliamo di Mazzola Moto, dei fratelli Cristian e Filippo: il primo, responsabile della parte vendita e amministrativa, il secondo della fase post-vendita. Ad aiutarli nel lavoro quotidiano un valido team di collaboratori.

Dal 2014 sono concessionario ufficiale del marchio Suzuki, nel 2021 si è aggiunto Triumph. Ma da Mazzola Moto puoi trovare l’usato dei migliori marchi giapponesi ed europei, i migliori accessori presenti sul mercato, una vendita abbinata ad un servizio di officina post vendita, con personale aggiornato direttamente dalle case madri che rappresentano.

Ai clienti viene offerto un servizio gratuito di conto vendita della moto, oppure di ritiro immediato senza obbligo di acquisto. Si può inoltre usufruire di estensioni di garanzia per l’acquisto di usato, con possibilità di finanziamento personalizzato su ogni esigenza.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it