Droga, armi e contatti con la 'ndrangheta: maxi operazione dei Carabinieri, 37 arresti - BergamoNews
Anche in bergamasca

Droga, armi e contatti con la ‘ndrangheta: maxi operazione dei Carabinieri, 37 arresti

Sono accusati di associazione "finalizzata alla produzione, al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, con le aggravanti della transnazionalità e della disponibilità di armi"

Ha coinvolto anche la nostra provincia il blitz contro vari gruppi dediti al traffico e allo spaccio di droga dei Carabinieri di Milano, che hanno eseguito 37 arresti in sei regioni.

I militari hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Milano su richiesta della locale Dda, nelle province di Bergamo, Alessandria, Genova, Monza, Padova, Pavia, Roma, Varese, Vibo Valentia e Vicenza, nei confronti di 37 soggetti (20 italiani e 17 stranieri, 27 dei quali verranno ristretti in carcere e 10 sottoposti agli arresti domiciliari), ritenuti responsabili – a vario titolo – di associazione “finalizzata alla produzione, al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, con le aggravanti della transnazionalità e della disponibilità di armi”.

Le indagini hanno consentito l’individuazione di svariati gruppi criminali, tutti operanti nel capoluogo lombardo anche se con ramificazioni in altre aree del Paese. Uno di tali gruppi è stato accertato essere composto anche da persone di origine calabrese due delle quali sono risultate mantenere saldi rapporti con vertici ed emissari della ‘ndrangheta reggina.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it