Con la scusa del vaccino a domicilio derubano due anziani; Ats: "Non aprite ai falsi addetti" - BergamoNews
A treviglio

Con la scusa del vaccino a domicilio derubano due anziani; Ats: “Non aprite ai falsi addetti”

Si sono presentati alla porta della casa della coppia dicendo che avrebbero dovuto somministrare il vaccino

Nei giorni scorsi a Treviglio, in zona Filodrammatici, falsi addetti dell’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo si sono introdotti nell’abitazione di due persone non più giovanissime, con la scusa di somministrare i vaccini anti Covid-19, e invece hanno derubato la coppia sottraendo la cassaforte presente nell’abitazione. A segnalare su Facebook l’increscioso episodio è stata una vicina. Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine per i rilievi del caso.

L’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo sottolinea che non ci sono addetti (né con targhetta Ats o altra sigla simile, né con valigetta) incaricati di effettuare le vaccinazioni a domicilio.

Le uniche vaccinazioni domiciliari sono previste per i pazienti censiti dall’Agenzia di Tutela della Salute che verranno vaccinati dai medici di medicina generale o da erogatori sociosanitari appositamente individuati.

Ats Bergamo invita tutti alla massima prudenza in particolare la popolazione anziana, più suscettibile a questo genere di rischi e di incorrere comportamenti tanto più odiosi in quanto perpetrati ai danni di persone che aspettano la vaccinazione anti Covid-19 con particolare trepidazione.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it