Bergamo e Lombardia in zona arancio, cosa cambia: spostamenti, scuole, negozi e bar - BergamoNews
Guarda i grafici

Bergamo e Lombardia in zona arancio, cosa cambia: spostamenti, scuole, negozi e bar

Dopo quasi un mese la regione esce dalla zona rossa. Ecco le principali misure in vigore da lunedì 12 aprile

Da lunedì 12 aprile Bergamo e la Lombardia tornano in zona arancione. Tra i cambiamenti più attesi, quello che permette ai cittadini di girare nel proprio comune senza obbligo di autocertificazione. E la possibilità di fare visita una volta al giorno ad amici e parenti in paese, al massimo in due persone con figli under 14 al seguito.

Con il passaggio in arancione, riapriranno all’incirca 7.500 negozi mentre 55 mila studenti bergamaschi potranno tornare a scuola (quelli degli ultimi due anni delle medie e delle superiori, questi ultimi al 50%). Confermato invece solo asporto e delivery per bar e ristoranti.

Sono invece 30 i giorni di (quasi) libertà su 101 dall’inizio dell’anno. I restanti del 2021, per ora, sono gli oltre 70 giorni di limitazioni e lockdown per commercio, cultura e scuola a distanza.

Queste le principali misure in vigore dal 12 aprile:

Spostamenti e attività motoria

Consentiti all’interno del comune tra le 5 e le 22 e dai paesi fino a 5 mila abitanti entro 30 chilometri, vietati verso i capoluoghi di provincia. Consentite visite a parenti o amici, una volta al giorno, fino a un massimo di due persone. In zona arancione le passeggiate, i giri in bicicletta e la corsa possono spaziare su tutto il territorio comunale e possono essere realizzati anche in aree attrezzate e parchi pubblici. Sono consentiti gli sport individuali senza contatto e all’aperto come il tennis, il golf, il padel. Anche con il colore arancione restano chiuse le palestre e le piscine. È consentito raggiungere centri e circoli sportivi, pubblici e privati, del proprio comune o, in assenza di queste strutture, in un altro comune della stessa Regione.

 

 

 

Scuole

In presenza tutte le classi di scuole medie. Attività in aula per almeno il 50% degli studenti (non oltre il 75%) delle scuole superiori. In presenza i nidi, le scuole materne, le elementari.

 

 

Negozi

Aperti con restrizioni solo per i centri commerciali nei weekend. Al loro interno, nelle giornate festive e prefestive, resteranno chiusi i vari negozi ad eccezione di punti vendita di generi alimentari, agricoli e florovivaistici, delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, tabacchi, edicole e librerie. Il ritorno in arancione permetterà di riprendere l’attività ad estetisti e parrucchieri, che dopo un periodo piuttosto lungo di inattività avranno sicuramente molte richieste.

 

 

Bar e ristoranti

Potranno continuare a lavorare soltanto attraverso la consegna a domicilio (senza limitazioni) e con l’asporto (fino alle 22, con divieto di consumazione sul posto). Discorso leggermente diverso per bar e altri esercizi privi di cucina, per i quali l’asporto è consentito fino alle 18.

 

 

 

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it