Operativo il nuovo hub a Sant'Omobono Terme: "Fino a 1.500 vaccini al giorno" - BergamoNews
Emergenza covid-19

Operativo il nuovo hub a Sant’Omobono Terme: “Fino a 1.500 vaccini al giorno”

Servirà in particolare i cittadini dell'ambito Valle Imagna-Villa d'Almè: circa 52 mila abitanti

Mancano giusto gli ultimi ritocchi. Poi, da lunedì 12 aprile, a Sant’Omobono Terme sarà operativo il nuovo centro vaccinale, pensato in particolare per i cittadini dell’ambito Valle Imagna-Villa d’Almè: circa 52 mila abitanti. Composto da 8 linee, a pieno regime il centro del Palazzetto dello Sport in via Elia Frosio dovrebbe essere in grado di vaccinare dalle 1.200 alle 1.500 persone al giorno.

“Sperando di non avere disagi come nei giorni scorsi in altri centri – si augura Gianbattista Brioschi, presidente Assemblea dei sindaci del Distretto di Bergamo -: code e assembramenti per colpa di un sistema delle prenotazioni che sta ancora creando problemi ai cittadini. Per questo abbiamo espressamente richiesto a Poste Italiane di indirizzare i cittadini del nostro ambito all’hub di Sant’Omobono Terme”.

 

 

Lunedì sono previste la presentazione e il conseguente avvio del centro vaccinale, alla presenza del Consulente per l’Emergenza della Lombardia Guido Bertolaso e delle autorità regionali e provinciali. “Insieme alla direzione generale dell’ospedale Papa Giovanni di Bergamo voglio ringraziare quanti si sono prodigati per aver raggiunto questo importante obiettivo: dalla Comunità Montana ai volontari di protezione civile, dagli artigiani ai falegnami, dagli elettricisti ai tecnici, dagli informatici ai tipografi. E anche chi, ovviamente, ci ha aiutato economicamente – conclude Brioschi -. Incrociamo le dita affinché tutto funzioni bene, sperando che i vaccini arrivino puntualmente tutti i giorni e non a singhiozzi, per non creare problemi ai cittadini che si devono vaccinare”.

 

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it