“LOL: Chi ride è fuori”: guerra di nervi all’ultima risata - BergamoNews

Cinema

Il reality

“LOL: Chi ride è fuori”: guerra di nervi all’ultima risata

Chiusi in un teatro per sei ore 10 comici molto diversi tra loro dovranno sfidarsi nel tentativo di rimanere impassibili e far ridere gli avversari

Titolo: LOL: Chi ride è fuori

Regia: Alessio Pollacci

Genere: Reality, commedia

Durata: circa 30’ per 6 episodi

Concorrenti: Caterina Guzzanti, Frank Matano, Elio, Lillo, Katia Follesa, Angelo Pintus, Ciro e Fru di The Jackal, Michela Giraud, Luca Ravenna

Giudici: Fedez e Mara Maionchi

Programmazione: Amazon Prime Video

Valutazione IMDB: 8.1/10

L’incubo peggiore per ogni comico al mondo è quello di esibirsi di fronte ad un pubblico freddo ed impassibile alle sue battute. Che sia su un palco teatrale, in un film o in uno sketch televisivo, la risata è il fine ultimo che, in un modo o nell’altro va sempre raggiunto, ma cosa succederebbe se proprio questa diventasse l’elemento da evitare al fine vincere un importante montepremi da devolvere in beneficienza?

Attorno a tale interrogativo Amazon ha creato il reality show “LOL: Chi ride è fuori” in cui 10 tra i migliori comici del panorama italiano dovranno cercare in ogni modo di far ridere i colleghi in un format a metà tra “Il Grande Fratello VIP” e “Hunger Games”.

Le regole sono semplici: i concorrenti per 6 ore dovranno stare rinchiusi all’interno di un teatro riempito fino all’orlo di abiti e oggetti di scena, utilizzabili a propria discrezione per eliminare gli altri. L’imperativo categorico, com’è facile capire dal titolo del reality, è quello di non ridere dal momento che ognuno dei dieci sarà perennemente controllato da decine di telecamere installate in ogni angolo della stanza. Come avviene nel calcio, alla prima espressione divertita ci sarà solo un’ammonizione seguita dall’espulsione in caso di una seconda risata. Alla fine del gioco rimarrà in gara solo il concorrente che non si sarà mai lasciato andare, aggiudicandosi ben 100.000 euro da devolvere totalmente in beneficenza.

I comici in gara provengono degli ambienti più diversi e coprono in modo più o meno completo tutto il panorama della risata italiana. Il primo a entrare nella casa è infatti Frank Matano, ragazzo campano diventato celebre grazie a scherzi telefonici postati su YouTube e per anni giudice di Italia’s Got Talent, seguito poi da Angelo Pintus, celebre comico ed imitatore, e da Katia Follesa, attrice e conduttrice da anni sui più grandi palchi d’Italia. Ai quattro poi si aggiungeranno Elio di “Elio e le Storie Tese”, Lillo del duo comico “Lillo e Greg”, Luca Ravenna, Caterina Guzzanti, Ciro e Fru di “The Jackal” e Michela Giraud.

In camera di regia, sempre vigili e attenti, verranno chiamati Fedez e Mara Maionchi che, dopo gli anni insieme a XFactor, rinnovano il sodalizio osservando scrupolosamente che nessuno sgarri.

Mixando con abilità vari stili e personalità, “LOL: Chi ride è fuori” è un reality show comico in cui lo spettatore verrà letteralmente sommerso a raffica da battute, gag, freddure, volgarità, imitazioni di personaggi celebri e scene al limite dell’impossibile. Così come i concorrenti, da casa risulterà impossibile non cimentarsi nel gioco in prima persona cercando di rivivere le loro emozioni; se però calarsi nel gioco risulta molto semplice ed intuitivo altrettanto non si può dire del serioso obbiettivo a cui tutti aspirano. Assaltati da ogni dove e in tutte le salse, “LOL” permette di passare con serenità e divertimento qualche ora grazie ad un umorismo trasversale adatto a tutte le età, senza mai dimenticare il nobile fine di tutto il format.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it