Cadono massi sulla provinciale tra Predore e Tavernola: strada chiusa - BergamoNews
Sebino

Cadono massi sulla provinciale tra Predore e Tavernola: strada chiusa

Sulla provinciale ex 469, nella zona dell'ex villa Stoppani. Sul posto i tecnici della Provincia: altro materiale instabile sulla parete

Due massi di grosse dimensioni si sono staccati dal fronte roccioso, hanno sfondato le protezioni e sono caduti sulla strada provinciale ex469, tra i Comuni di Predore e Tavernola Bergamasca.

L’allarme è scattato nel primo pomeriggio di domenica 11 aprile. L’amministrazione di Predore ha subito lanciato un appello attraverso i propri canali social, invitando chi transita da quelle parti a prestare la massima attenzione nella circolazione, da e per Tavernola.

I massi sono caduti nelle vicinanze della villa ex Stoppani, in territorio di Predore. Sul posto sono intervenuti i tecnici della Provincia e i carabinieri. Allertati anche i Vigili del Fuoco e la Protezione Civile. Non si registrano feriti.

 

 

Il sindaco di Sarnico, Giorgio Bertazzoli, ha postato un breve video, specificando che “la strada che porta verso Lovere è stata temporaneamente chiusa. Va quindi usato il versante bresciano”. Intorno alle 16,30 il tratto è stato bonificato e i massi (di circa 2 tonnellate ciascuno) rimossi.

Nel tardo pomeriggio la Provincia di Bergamo ha confermato che la strada resta chiusa a causa della presenza di altro materiale instabile sulla parete. Lunedì mattina è previsto l’intervento dei rocciatori.

Il sopralluogo delle autorità nel pomeriggio

 

 

 

 

 

 

leggi anche
  • Predore e tavernola
    Un altro masso incombe: rivierasca ancora chiusa, via alle corse in battello
    Massi Predore
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it