Boccaleone, rimossi gli striscioni di protesta contro il progetto del treno per Orio - BergamoNews
Il caso

Boccaleone, rimossi gli striscioni di protesta contro il progetto del treno per Orio

Nella mattina di sabato 10 aprile la Digos ha fatto rimuovere alcuni striscioni esposti a Boccaleone dal Comitato che contesta l'attuale progetto di RFI per il treno per Orio al Serio.

Riceviamo e pubblichiamo le considerazioni del Comitato di Quartiere di Boccaleone dopo che la Digos ha fatto rimuovere gli striscioni di protesta contro il progetto di RFI per il treno per l’aeroporto di Orio al Serio. 

Il Comitato di Quartiere di Boccaleone denuncia, per la seconda volta, un’azione volta a zittire l’informazione che sta cercando faticosamente di diffondere tra i cittadini bergamaschi.

Sabato mattina, 10 aprile, nel quartiere di Boccaleone a Bergamo è accaduto un fatto molto grave. Diversi cittadini hanno visto le forze dell’ordine staccare gli striscioni che erano stati esposti dal Comitato di Quartiere di Boccaleone in luoghi di proprietà privata e su autorizzazione dei privati stessi. Dopo le rimostranze del Comitato di Quartiere di Boccaleone la Digos ha restituito gli striscioni.

Il Comitato di Quartiere di Boccaleone ha inviato una lettera al Prefetto dott. Enrico Ricci e al Questore dott. Maurizio Auriemma per chiedere di conoscere da chi e perché è stata ordita questa azione; è la seconda volta che nel quartiere vengono rimossi strumenti di democratica comunicazione sul territorio, informazione che il Comitato di Quartiere di Boccaleone sta faticosamente proponendo ai cittadini.

Il Comitato di Quartiere di Boccaleone si è fatto carico della stampa e dell’esposizione degli striscioni rimossi per informare i cittadini di quanto avverrà nel quartiere tra pochi mesi. Il tema riportato sui manifesti è relativo al Progetto Definitivo del Nuovo collegamento ferroviario Stazione di Bergamo – “Aeroporto Orio al Serio”, proposto da RFI al Ministero della transizione ecologica per la Valutazione d’impatto ambientale; avverso a questo progetto il Comitato di Quartiere di Boccaleone ha presentato molte osservazioni, disponibili sul sito del Ministero della transizione ecologica e sul sito del Comitato di Quartiere di Boccaleone www.cdqboccaleonebg.org

Inoltre, il Comitato di Quartiere di Boccaleone ha lanciato una petizione online che, ad oggi e dopo meno di due settimane, ha già superato le 10.000 firme (http://chng.it/DbKFHSsrvD).

Il progetto proposto da RFI, infatti, presenta moltissime criticità irreversibili dal punto di vista sociale, economico, viabilistico e, soprattutto, della sicurezza e della sostenibilità per gli abitanti del quartiere, temi che si ritiene non siano stati valutati con la dovuta attenzione da nessuno degli attori coinvolti in questo progetto.

Il Comitato di Quartiere di Boccaleone, in rappresentanza dei tantissimi cittadini che stanno difendendo il proprio quartiere, ha chiesto al Prefetto dott. Enrico Ricci e al Questore dott. Maurizio Auriemma di avere un incontro per poter illustrare i problemi che creerà il progetto RFI e la proposta che il Comitato di Quartiere di Boccaleone intende presentare in alternativa al progetto delle Ferrovie per salvaguardare il proprio quartiere.

leggi anche
  • La proposta
    Treno per Orio: “Perché farlo passare da Bergamo? Si faccia una linea da Milano all’aeroporto”
    treno sviato milano-bergamo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it