Al Pacì Paciana, il "tampone sospeso" per lo screening Covid - BergamoNews
Bergamo

Al Pacì Paciana, il “tampone sospeso” per lo screening Covid

L'iniziativa è gratuita e rivolta a tutti

Sabato 17 aprile dalle 15 alle 19 al centro sociale di Bergamo Pacì Paciana sarà possibile effettuare gratuitamente il tampone rapido per il Covid-19.

L’iniziativa è in collaborazione con la Brigata Sanitaria Soccorso Rosso e ha lo scopo di “costruire insieme pratiche dal basso che mettano al centro la tutela della salute collettiva, prima di ogni profitto”, si legge nel manifesto di presentazione.

Sarà necessario registrarsi all’ingresso nella zona del triage, dove volontari e infermieri accoglieranno le persone che desiderano effettuare lo screening. A seguire, nel tendone, i professionisti sanitari della Brigata effettueranno il tampone, richiederà circa 20 minuti di attesa prima dell’esito. Se negativi si potrà uscire tranquillamente, se positivi si applicherà la procedura standard: sanificazione e passaggio dei dati ad ATS per iscrizione al tampone molecolare gratuito.

“Lo chiamiamo ‘tampone sospeso’ – continua il centro sociale – se hai la possibilità, dopo esserti fatto il tampone, puoi donarci un piccolo contributo per sostenere la nascita del progetto anche nella bergamasca. Se non hai la possibilità puoi semplicemente fare quello gratuito”.

Il servizio è rivolto a tutti e tutte, senza limitazioni di costi.

“Dedicato soprattutto a chi, per via della crisi sanitaria ed economica, non può permettersi di sostenere le spese di un tampone rapido a pagamento. Siamo, inoltre, convinti che il diritto alla salute non possa essere un lusso a pagamento: è necessario sostenere prevenzione, gratuità e solidarietà”, conclude il comitato.

QUI I DETTAGLI DELL’EVENTO

 

leggi anche
  • Bergamo
    Tamponi sospesi Covid al Pacì Paciana, ATS chiarisce: “A noi nessuna comunicazione”
    tampone covid
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it