Quantcast
Vaccino Covid, aperte con una settimana d'anticipo le prenotazioni per la fascia 70-74 anni - BergamoNews
La novità

Vaccino Covid, aperte con una settimana d’anticipo le prenotazioni per la fascia 70-74 anni

Dal piano presentato la scorsa settimana da Bertolaso era prevista il 15 aprile.

Si aprono con una settimana di anticipo rispetto alle previsioni le prenotazioni per le vaccinazioni della fascia d’età 70-74 anni.

Ad annunciarlo è stato il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, ai microfoni di Rtl 102.5.

Una sorpresa, piacevole, per chi in calendario si era segnato la data del 15 aprile, comunicata solo una settimana fa da Guido Bertolaso durante la presentazione del piano vaccinale: accedendo al solito portale regionale (www.prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it) si nota come la possibilità di prenotazione sia stata estesa fino ai nati nel 1951.

“Sono partite, ma quello che conta poi è farle” ha continuato il numero uno del Pirellone nel suo intervento radiofonico.

Non dovrebbe cambiare, però, la data di inizio delle somministrazioni, prevista per il 27 aprile.

Nella fascia tra i 70 e 74, dai calcoli regionali, rientrano 546.312 persone: sommati ai 449.862 della fascia 75-79 anni si arriva quasi a un milione di lombardi. A questi si aggiungono i soggetti fragili e gli over 80 che fino ad oggi ancora non hanno manifestato la volontà di vaccinarsi.

Finora, col nuovo sistema di Poste, si sono prenotate circa 293mila persone.

Ricapitolando, la prenotazioni possono essere fatte tramite 4 canali:

– online sul sito www.prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it;

– tramite sportello Postamat, anche se non sei correntista, inserendo la tessera sanitaria, il cap di residenza/domicilio e il tuo numero di cellulare;

– con l’aiuto dei Portalettere, che possono effettuare per te la prenotazione;

– telefonando al numero verde 800 894545

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it