Birrificio Otus alla fiera di Rimini per "The digitale event for eating out" - BergamoNews
12-13 aprile

Birrificio Otus alla fiera di Rimini per “The digitale event for eating out”

Birrificio Otus di Seriate ed Edizioni Contatto di Mozzo sono tra le dodici aziende lombarde che partecipano a "The digital event for eating out" dal 12 al 13 aprile prossimi.

Si anima di aziende prestigiose e contenuti di spessore la piattaforma digitale di The Digital Event for Eating Out – raggiungibile registrandosi sul sito www.beerandfoodattraction.it -, una due giorni di talk su prospettive e strategie per la ripresa del mondo food&beverage organizzata da Italian Exhibition Group per il 12 e il 13 aprile prossimi.

L’evento costituisce la prima tappa di avvicinamento all’edizione in presenza di Beer&Food Attraction e BBTech expo, in programma dal 20 al 23 febbraio 2022 alla Fiera di Rimini.

Al centro dei talk, il tradizionale appuntamento dell’International Horeca Meeting di Italgrob, che si aprirà dopo i saluti di benvenuto alla due giorni del presidente di IEG, Lorenzo Cagnoni, del Presidente di FIC-Federazione Italiana Cuochi Rocco Pozzulo e del presidente di Italgrob Vincenzo Caso con l’incontro (h. 11:30 in diretta live dal set multimediale allestito al Palacongressi di Rimini) sul tema ‘L’Ho.Re.Ca. oltre il Covid, fra sostenibilità e rilancio del Made in Italy’.

Nutrito il parterre degli ospiti: dopo il presidente di Italgrob Vincenzo Caso e l’Amministratore Delegato di Italian Exhibition Group Corrado Peraboni, interverranno sulle tendenze e gli scenari futuri del mercato: il presidente di Trade Lab Luca Pellegrini, il presidente di Federalimentare Ivano Vacondio, il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti e il presidente di Federturismo Marina Lalli. Nella seconda sessione, dedicata a mercato, dati e focus del beverage, prenderanno la parola: il direttore di IRI Marco Colombo, il presidente di Assobirra Michele Cason, il presidente di Assobibe Giangiacomo Pierini, il presidente di Mineracqua Enrico Zoppas e Sandro Boscaini, presidente di Federvini. A moderare sarà la giornalista Paola Rota.

Sono 60 gli operatori presenti in piattaforma tra aziende sponsor, associazioni di settore e media partner. Tra questi anche 12 dalla Lombardia; in particolare 2 della provincia di Bergamo (Birrificio Otus di Seriate ed Edizioni Contatto di Mozzo), uno della provincia di Brescia , 2 della provincia di Monza Brianza, 7 della provincia di Milano e 1 di quella di Sondrio.

Innovazioni del mondo Horeca, ibridazione ed evoluzione del mercato, vendite digitali e lotta agli sprechi sono alcuni dei temi dei webinar della due giorni che, oltre all’International Horeca Meeting, vedrà gli interventi dei principali partner che hanno accompagnato Beer&Food Attraction e BBtech expo in questi anni, come: FIC-Federazione Italiana Cuochi, FIPE-Federazione Italiana Pubblici Esercizi, NPD Group, CERB Centro di Eccellenza per la Ricerca sulla Birra, Unionbirrai, Cast Alimenti, Unione Degustatori Birre, Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, e ancora media partner come Il Mondo Della Birra, Bargiornale e Food Service. The Digital Event for Eating Out è inoltre organizzato con la collaborazione e il sostegno dell’Agenzia ICE per la selezione e l’organizzazione di business meeting con buyer internazionali selezionati.

Cinquanta i visitatori internazionali confermati da 18 paesi, soprattutto europei (in particolare Spagna e Finlandia). Si tratta soprattutto di importatori e distributori di birre e bevande, selezionati dalla rete di regional advisor di IEG e dall’Agenzia ICE-Ministero Affari Esteri, che in piattaforma incontreranno le aziende sponsor.

BEER&FOOD ATTRACTION The Digital Event for eating out 2021

Data: 12-13 aprile 2021 (Full Digital); Organizzazione: Italian Exhibition Group SpA; info: www.beerandfoodattraction.it

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it