A Bergamo l'abbigliamento per bambini ha un nome: 34B Kids - BergamoNews
Partner friends!

A Bergamo l’abbigliamento per bambini ha un nome: 34B Kids

Dal 2012 in via San Bernardino, nel cuore della città. Lo store propone capi e accessori per neonati, bimbi e bimbe, puntando molto sull'abbigliamento unisex e sulla sostenibilità dei tessuti

Prima era avvocato, poi è nata la sua bimba. Da quel momento in poi, la passione per i più piccoli ha preso il sopravvento. Anche nella vita professionale.

Lei è Manuela Arcaini, per tutti la ‘Manu’: dal 2012 proprietaria del negozio 34B Kids in via San Bernardino, nel cuore di Bergamo.

Il suo store propone capi e accessori per neonati, bimbi e bimbe, puntando molto sull’abbigliamento unisex. “Una scelta stilistica ben precisa, improntata ad una maggiore sostenibilità”, tiene a sottolineare Manuela.

L’offerta di 34B Kids si caratterizza per i marchi ricercati e indipendenti, oltre che per la rigorosa scelta dei tessuti: green eco friendly, sostenibili, di produzione europea e made in Italy.

Con l’arrivo della pandemia, Manuela ha dovuto in qualche modo reinventare la sua attività. Per esempio aprendo uno shop online, puntando molto sulle consegne a domicilio e su un maggiore utilizzo dei social network.

“Quando le mie clienti storiche vedono un capo di abbigliamento sulla nostra pagine Facebook o Instagram, so già quali taglie tenere loro da parte, perché ho vestito i loro figli dalla nascita e li ho visti crescere con i nostri prodotti – spiega Manuela -. Vedere la fiducia ripagata nel tempo è sicuramente una delle soddisfazioni più belle del mio mestiere”.

Per maggiori info: http://34bkidsfashion.com/
Telefono: 338 334 5146

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it