Altri 4,5 milioni dalla Regione per il Rondò dell'autostrada a Bergamo - BergamoNews
Per la riqualificazione

Altri 4,5 milioni dalla Regione per il Rondò dell’autostrada a Bergamo

“Il finanziamento regionale in oggetto – commenta l’assessore Claudia Maria Terzi - consente di completare il quadro economico relativo all’intervento per il nuovo assetto del rondò"

Regione Lombardia stanzia ulteriori 4,5 milioni di euro per riqualificare e potenziare il Rondò A4 di Bergamo, portando l’investimento complessivo a 29,5 milioni di euro a carico del Pirellone. Lo stabilisce una delibera approvata dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi. La delibera approva l’atto aggiuntivo alla convenzione tra Regione Lombardia, Aria Spa, Provincia di Bergamo e Comune di Bergamo.

CONTRIBUTO AGGIUNTIVO DI REGIONE

“Il finanziamento regionale in oggetto – commenta l’assessore Terzi – consente di completare il quadro economico relativo all’intervento per il nuovo assetto del Rondò A4, che si è reso necessario elevare a 29,5 milioni di euro a seguito dell’approvazione del progetto definitivo. I 4,5 milioni di euro stanziati col Piano Lombardia si aggiungono infatti ai 25 milioni allocati attraverso il Patto per la Lombardia siglato tra Governo e Regione nella scorsa legislatura regionale. Occorre risolvere uno snodo molto critico della viabilità bergamasca: per farlo Regione ha previsto questo contributo aggiuntivo, con l’obiettivo di rendere più fluido il traffico e aumentare le condizioni di sicurezza stradale. Tutti i bergamaschi sanno quanto sia importante intervenire per restituire alla città uno svincolo autostradale degno e funzionale. Insieme agli altri enti coinvolti, Provincia e Comune, lavoriamo per raggiungere un risultato molto atteso dal territorio”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it