Teatri chiusi? Le stagioni del Donizetti si rivedono in streaming. Gratis - BergamoNews
Bergamo

Teatri chiusi? Le stagioni del Donizetti si rivedono in streaming. Gratis

“L’archivio delle meraviglie: le stagioni di prosa del Teatro Donizetti” è il titolo esplicativo che la direttrice artistica Maria Grazia Panigada ha scelto. Si parte con Pippo Delbono

Nell’attesa che la situazione epidemiologica del Covid 19 migliori così da consentire la riapertura dei teatri, la Fondazione Teatro Donizetti propone un ciclo in videostreaming di spettacoli di prosa presentati negli anni passati sul palcoscenico dello stesso Donizetti e degli altri teatri della città. “L’archivio delle meraviglie: le stagioni di prosa del Teatro Donizetti” è il titolo esplicativo che Maria Grazia Panigada, direttore artistico della Stagione di Prosa e di Altri Percorsi, ha scelto per una iniziativa che intende, in primo luogo, valorizzare e rendere disponibile al pubblico il ricco archivio di filmati e di molto altro materiale nel quale è custodita la storia dello stesso teatro.

Il primo spettacolo a tornare virtualmente in scena è Racconti di giugno di e con Pippo Delbono, in programma dalle 18 di venerdì 9 aprile fino alle ore 24 di domenica 11 sul canale Vimeo della Fondazione Teatro Donizetti (https://vimeo.com/teatrodonizetti). La visione dello spettacolo, filmato il 18 febbraio 2010 al Teatro Donizetti nell’ambito della rassegna Altri Percorsi (durata 85 minuti), è gratuita e sarà preceduta da una breve introduzione appositamente realizzata dallo stesso Pippo Delbono.

“Il tempo dell’attesa per le chiusure dei teatri, a causa della pandemia, e il tempo dei lavori al Teatro Donizetti, per la ristrutturazione, ci hanno ancora più rivelato quanto sia importante custodire il patrimonio che ci è stato consegnato e valorizzarlo – racconta Maria Grazia Panigada – Sappiamo bene che l’atto teatrale si consuma nel qui e ora dell’accadimento, nel momento magico dell’incontro fra artisti e spettatori, quando si abbassano le luci in sala e il palcoscenico si illumina di storie. Ma su quello stesso palcoscenico, dove domani riprenderemo ad allestire spettacoli, tante cose sono accadute nel corso del tempo e tante tracce sono rimaste”.

“Nei mesi passati abbiamo ripercorso la memoria grazie al ricordo degli spettatori, delle maestranze, degli artisti – prosegue – Ora vogliamo iniziare ad attraversare quel luogo prezioso, antro magico del tempo, che è l’archivio della Fondazione Teatro Donizetti: in questi mesi stanno riapparendo dagli imballaggi del trasloco manifesti, copioni, foto di scena, pubblicazioni e tutte le registrazioni degli spettacoli in prosa che dagli anni Ottanta sono state fatte – quando le compagnie ne davano il permesso – e consultabili per ragioni solo di ricerca e di studio. Guardando tutto questo materiale video è nata quindi l’idea di chiedere ad alcuni artisti, attori e autori di poter fare vedere un loro spettacolo per dare vita ad una piccola rassegna on line. Il ciclo “L’archivio delle meraviglie” è il primo atto con cui vogliamo condividere con il nostro pubblico il lavoro di scavo e riordino dei materiali della memoria”.

Racconti di giugno, produzione della Compagnia Pippo Delbono e Emilia Romagna Teatro Fondazione, è una sorta di diario di bordo, racconto di un’introspezione sul senso nascosto delle relazioni, sul lato dei desideri non espressi ma mostrati, sulla curiosità per gli altri. Un autore-attore si confessa senza reticenze e con pudore in una dinamica di cronache e lampi di memoria, zigzagando tra le avventure della vita scenica e vissuta. Memoria e racconto, dunque, si sovrappongono: una sedia, un tavolino e una bottiglia di birra è tutto quel che serve all’attore, che alterna storie in un footing linguistico, uno slittamento del codice espressivo reso immediatamente percepibile dalle luci e dalle musiche manovrate da Pepe Robledo. Frammenti autobiografici da Urlo, Il tempo degli assassini, da Rabbia e da Enrico V servono a dire quello che le parole di un discorso, seppure si tratti di una confessione, non riescono ad esprimere.

Narratore generoso, Delbono dice all’inizio di Racconti di giugno: “Non è uno spettacolo, è il racconto di un viaggio che comincia in un paese della riviera ligure, a Varazze”. E allora prendiamolo come il viaggio di un marinaio a caccia non di balene, ma di sogni. Il protagonista vi esibisce la sua “nudità”, apre l’album della sua vita: straordinaria, coraggiosa, tenera, moderno ritratto di una generazione smarrita, favola dai passaggi noir, inno salvifico all’arte, alla libertà, al teatro come redenzione. Una concentrazione di passione mozzafiato e di serenità disarmante, cui oggi, forse, non si è più abituati.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it