Proteste dei ristoratori, Confesercenti incontra il Prefetto di Bergamo - BergamoNews
La mobilitazione

Proteste dei ristoratori, Confesercenti incontra il Prefetto di Bergamo

L'incontro mercoledì alle 11 in via Torquanto Tasso.

In occasione della giornata di mobilitazione nazionale promossa da Confesercenti “Portiamo le imprese fuori dalla pandemia”, una delegazione di Confesercenti Bergamo sarà ricevuta mercoledì 7 aprile dal Prefetto di Bergamo, Enrico Ricci.

L’incontro, fissato per le 11 in via Torquanto Tasso a Bergamo, sarà anche l’occasione per rilanciare una petizione on line a cui tutti gli imprenditori potranno aderire da mercoledì sul sitowww.confesercenti.it

La Confederazione dei commercianti di Bergamo, presieduta dal Presidente Antonio Terzi, consegnerà un documento che attesta le ragioni della protesta e della campagna di sensibilizzazione, rivolta alle istituzioni e all’opinione pubblica, per dare voce alle necessità e alle richieste sempre più urgenti delle attività del commercio al dettaglio, dei pubblici esercizi e del commercio su area pubblica: sostegni adeguati alle perdite realmente subite e ai costi fissi sostenuti, credito immediato e un piano per permettere alle imprese di riaprire in sicurezza.

Nel frattempo, nella giornata di martedì si sono registrate delle tensioni davanti alla Camera dei deputati, con scontri tra le forze dell’ordine, schierate in assetto antisommossa a protezione di piazza Montecitorio, e i partecipanti a una manifestazione indetta dagli esercenti, tra cui ristoratori, gestori di palestre, venditori ambulanti. I manifestanti hanno chiesto al governo Draghi riaperture immediate. Feriti alcuni agenti.

 

 

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it