Treno per Orio, interrogazione in Parlamento sul discusso progetto - BergamoNews
Bergamo

Treno per Orio, interrogazione in Parlamento sul discusso progetto

Il progetto presentato da RFI dividerebbe definitivamente in due parti il quartiere di Boccaleone, causando gravi problemi sociali, ambientali ed economici

Il deputato bergamasco Denis Dori del Movimento 5 Stelle ha presentato alla Camera dei Deputati l’interrogazione in cui chiede al Ministero delle Infrastrutture se intenda “porre in essere le iniziative di competenza volte a modificare il progetto del nuovo collegamento ferroviario tra la stazione di Bergamo e l’aeroporto di Orio al Serio”. Lo comunica il Comitato di Quartiere di Boccaleone.

Nell’interrogazione Dori ha inoltre chiesto che venga predisposto un incremento del finanziamento che consenta di realizzare l’interramento del tracciato ferroviario Bergamo/aeroporto di Orio al Serio.

Il progetto presentato da RFI dividerebbe definitivamente in due parti il quartiere di Boccaleone, causando gravi problemi sociali, ambientali ed economici, mentre il progetto Ricuciamo Bergamo proposto dal Comitato prevede di interrare il treno dal ponte di via Piatti per continuare lungo il percorso verso l’aeroporto e chiede di sostituire il sedime ferroviario con un parco lineare ciclo- pedonale che connetterebbe Boccaleone al centro città attraverso Porta Sud, ricucendo le due parti del quartiere di Boccaleone senza creare pericolose passerelle e sottopassi.

Il tracciato ferroviario Bergamo/aeroporto dovrebbe essere pronto per le Olimpiadi di Milano/Cortina 2026, ma questo grande appuntamento non deve penalizzare irrimediabilmente i cittadini con un’infrastruttura che sarebbe invasiva, divisiva e creerebbe pesanti ripercussioni non solo a Boccaleone, anche dal punto di vista della sicurezza.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it