Quantcast
La Variante di Zogno pronta al 75%, Fontana e Terzi: "Apre in estate" - BergamoNews
Il sopralluogo

La Variante di Zogno pronta al 75%, Fontana e Terzi: “Apre in estate”

Il presidente regionale in visita al cantiere insieme all'assessore Terzi: "Intervento fondamentale anche in vista della stagione turistica"

Un sopralluogo ormai periodico, per documentare i passi in avanti della Variante di Zogno e per dare una conferma: l’opera sarà inaugurata, finalmente, nell’estate 2021. 

Ad assicurarlo sono stati il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e l’assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e mobilità sostenibile Claudia Maria Terzi, coordinatrice del tavolo territoriale di Bergamo, che venerdì hanno visitato il cantiere.

“Un intervento che consente di fruire ancora meglio di questa splendida parte della nostra Lombardia – ha commentato il governatore Fontana – anche in vista dell’estate quando il turismo di prossimità consentirà di apprezzare per la prima volta o riscoprire le bellezze del territorio”.

L’intervento è finalizzato a migliorare le condizioni di sicurezza e la fluidità della circolazione stradale nel bacino alto bergamasco/brembano, in particolare rispetto ai flussi di transito e distribuzione da e per la Valle Brembana e le valli limitrofe (Serina, Taleggio e Alta Valle).

Un progetto che prevede la realizzazione di una variante di circa 4,3 chilometri alla ex S.S. 470, che consente di escludere dal transito l’abitato di Zogno, dalla località “Grotte delle Meraviglie” alla località “Madonna del Lavello” nella frazione di Ambria, con due tratti a cielo aperto di 2 chilometri e 180 metri e due gallerie naturali: la Galleria Inzogno, di 654 metri, e la Galleria Monte di Zogno, di 2.211 metri.

“Quest’opera – ha sottolineato l’assessore Terzi – è stata ferma per molto tempo: per questioni burocratiche prima e per questioni economiche poi, tutte risolte da Regione Lombardia. Stiamo andando avanti molto velocemente e abbiamo trovato le risorse che mancavano per completare questo intervento. L’opera è costata 76 milioni di euro, di cui più di 61 milioni stanziati da Regione Lombardia”.

I lavori sono ricominciati con intensità il 18 maggio 2020, dopo lo stop del 7 marzo imposto dall’emergenza sanitaria, e il cronoprogramma ne prevede la fine il 30 giugno.

“Ogni mese – ha concluso Terzi – facciamo sopralluoghi e constatiamo che i lavori procedono molto spediti. L’obiettivo è aprire per l’estate perché è un passaggio fondamentale per il turismo della Val Brembana. Siamo al 75% della realizzazione. Questa infrastruttura cambierà il volto della Bergamasca e della Valle”.

 

 

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI