Quantcast
Dwars door Vlaanderen, Vittoria Guazzini sfiora il podio sui muri delle Fiandre - BergamoNews
Ciclismo

Dwars door Vlaanderen, Vittoria Guazzini sfiora il podio sui muri delle Fiandre

La portacolori della Valcar-Travel & Service ha chiuso in quarta posizione la classica belga vinta dalla campionessa europea Annemiek Van Vleuten

I muri delle Fiandre non sembrano far paura a Vittoria Guazzini.

La portacolori della Valcar-Travel & Service è apparsa a suo agio sulle pietre del Belgio cogliendo la quarta posizione nella Dwars door Vlaanderen.

La competizione, decisiva in vista della “Decana delle Classiche”, si è decisa a trentasei chilometri dall’arrivo quando la campionessa europea Annemiek Van Vleuten è uscita dal gruppo principale rimanendo in compagnia soltanto di Kasia Niewiadoma (Canyon-SRAM).

In grado di guadagnare un vantaggio sufficiente per giocarsi la vittoria in una volata a due, l’olandese della Movistar ha saputo gestire al meglio lo sprint battendo la fuoriclasse polacca.

Alle loro spalle la lotta per il podio ha visto prevalere l’americana Alexis Ryan (Canyon SRAM Racing) che, complice un colpo di reni, ha preceduto sul traguardo di Waregem Vittoria Guazzini.

“Fino all’ultimo speravo che il gruppo riuscisse a prendere le fuggitive, ma purtroppo non è andata così – ha commentato a fine gara la giovane toscana -. Nei primi chilometri di oggi ho cercato di correre al risparmio per salvaguardarmi, perché queste gare in Belgio sono molto dispendiose, poi dopo il secondo muro e prima del tratto in pavé mi sono portata nelle prime posizioni, perché sapevo che la gara si sarebbe decisa lì. Infatti la fuga è partita proprio in quel momento ed, essendomi poi trovata da sola, non potevo fare altro che aspettare e prepararmi per un’eventuale volata”.

La 20enne aretina si concentrerà ora sul Giro delle Fiandre in programma nella giornata di Pasqua, un appuntamento particolarmente sentito sia da parte dei tifosi locali che all’interno di tutto il mondo delle ruote.

“Mi sento bene e mancano pochi giorni al Giro delle Fiandre, ma quella è una gara diversa. Alla Gent-Wevelgem lo abbiamo visto: c’è stato vento, la gara è stata stressante sin dai primi chilometri con tanti ventagli e poi c’è stata selezione sui muri. In quell’occasione ho dato tutto nel finale per cercare di portare la mia compagna Elisa Balsamo nelle migliori posizioni – ha ammesso Guazzini -. Al Giro delle Fiandre sarà altrettanto dura, perché il livello delle atlete sarà altissimo e anche il lungo chilometraggio può incidere sul mio rendimento. Vedremo che cosa accadrà. Io, come sempre, ce la metterò tutta per fare una bella gara”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI