Quantcast
Covid: a Bergamo 327 positivi, in Lombardia 3.520 casi e 75 decessi - BergamoNews
I dati di domenica 28 marzo

Covid: a Bergamo 327 positivi, in Lombardia 3.520 casi e 75 decessi

A fronte di 43.334 tamponi effettuati, con una percentuale dell'8,1%. In leggero calo i ricoveri

Sono 327 i nuovi positivi al Covid-19 in provincia di Bergamo, 3.520 in tutta la Lombardia a fronte di 43.334 tamponi effettuati, con una percentuale dell'8,1%. Questi i dati diffusi domenica 28 marzo.

Sono leggermente diminuiti i ricoverati in generale: + 16 in terapia intensiva (dove sono 868) e - 55 negli altri reparti (7.069). Sono invece 75 i decessi, che portano il totale da inizio epidemia a 30.462.

Per quanto riguarda le altre province, si sono registrati 1.146 casi a Milano, 601 a Brescia, 277 a Mantova, 212 a Pavia, 164 a Monza, 154 a Como, 152 a Cremona, 134 a Varese, 124 a Lecco, 95 a Sondrio e 57 a Lodi.

Fontana: "Segnali di miglioramento"

"I dati epidemiologici in Lombardia offrono segnali di miglioramento, da dopo Pasqua l'obiettivo è avviare la vaccinazione di massa e riaprire le attività per il ritorno alla normalità" ha scritto il presidente della Regione Attilio Fontana in un messaggio di auguri per la domenica della Palme sui social. "L'augurio e la speranza è - ha aggiunto - ritrovare presto la serenità di cui abbiamo bisogno".

Il punto sui vaccini

In Lombardia sono state somministrate 1 milione 485.384 dosi di vaccino anticovid su un milione 807.890 ricevute. Si tratta quindi dell'82%.

Sono state utilizzate quasi tutte le dosi di Pfiizer (un milione 169.080 su 1 milione 231.290 arrivate), il 58% di quelle di AstraZeneca (260.256 su 447.600) e il 43% di Moderna (56.048 su 129.000).

Agli over 80 sono andate 725.923 dosi, di queste 49.577 hanno permesso di fare la prima vaccinazione al 100% degli ospiti in rsa e l'80% della seconda, mentre al personale scolastico sono state fatte 219.320 prime vaccinazioni.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it