Despar: chiusi da sabato Bergamo, Chiuduno e Lovere, ma si tratta - BergamoNews
Annuncio alco

Despar: chiusi da sabato Bergamo, Chiuduno e Lovere, ma si tratta

Riva (Fisascat Cisl): “Speriamo nella proroga degli ammortizzatori”

Entro sabato anche i tre supermercati bergamaschi con insegna Despar ancora aperti chiuderanno i battenti in via “temporanea”, come avvenuto in precedenza per il punto vendita di via Suardi a Bergamo.

Lo hanno comunicato i vertici di ALCO SpA, , che hanno anche fatto sapere che le trattative per le cessioni dei supermercati stanno proseguendo, nei prossimi giorni sono previsti nuovi incontri tra rappresentanti dei lavoratori e proprietà.

Da sabato 27, dunque, anche Lovere, Chiuduno e il negozio di Bergamo (in via Furietti) saranno chiusi, in attesa che si compiano le pratiche di concordato preventivo richieste per tutte le tre società del gruppo.

“Naturalmente viviamo ancora grande preoccupazione per la chiusura dei punti vendita, il destino dei lavoratori e l’apertura del concordato preventivo, ma faremo tutto il possibile perché in questo periodo, che ci auguriamo il più breve possibile, siano prorogati gli ammortizzatori sociali per i lavoratori del gruppo – dice Luca Riva di Fisascat Cisl Bergamo. Rimangono concrete trattative con due importanti gruppi del settore per cui stiamo incalzando l’azienda a risposte veloci. Confidiamo che il disagio dei lavoratori duri il meno possibile e che si possa ripartire con nuove garanzie e con ritrovate solidità lavorative e occupazionali per i 60 addetti presenti in bergamasca”.

Più informazioni
leggi anche
  • In via suardi
    Bergamo, chiude il supermercato Despar in via Suardi: “Tutele ai lavoratori”
    Scaffali vuoti al Despar della Malpensata
  • La conferma
    Il cavaliere azzurro di Conad interessato a rilevare negozi Despar
    despar
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it