Quantcast
Vaccini Lombardia: con Aria da qui all'11 aprile 205mila prenotazioni via telefono - BergamoNews
Basta sms

Vaccini Lombardia: con Aria da qui all’11 aprile 205mila prenotazioni via telefono

È il piano per mettersi al passo con le vaccinazioni degli over 80: entro l'11 aprile garantisce l'assessora al Welfare Letizia Moratti.

Duecentocinquemila prenotazioni. Via telefono, basta sms. Questo il piano della Regione Lombardia, di Letizia Moratti e della nuova società Aria che ha visto azzerare i vertici tranne il direttore generale Lorenzo Gubian. Il piano per mettersi al passo con le vaccinazioni degli over 80: entro l’11 aprile garantisce l’assessora al Welfare.

Intanto sono stati inviati gli appuntamenti fino al 2 aprile, mancavano quelli per i nove giorni successivi ed entro domenica verranno comunicati.

L’imperativo della squadra lombarda adesso è: far dimenticare le falle del sistema e terminare la vaccinazione delle categorie in fase di immunizzazione.

Intanto il cda dimissionario di aria resta in carica per le attività di ordinaria amministrazione fino alla convocazioen dell’assemblea, mentre Gubian coordina la fase in atto e il passaggio al portale di Poste italiane, che avverrà la prossima settimana e che gestirà la vaccinazione massiva, quella dei fragili, i richiami degli insegnanti (a 12 settimane dalla prima dose). Tutti, insomma, tranne gli over 80, la cui agenda di somministrazioni viene conclusa da Aria col doppio controllo di Ats e Asst sugli elenchi e sugli slot assegnati, e la cui data di richiamo viene fornita al momento della prima somministrazione. Tutti gli appuntamenti agli over 80 d’ora in avanti vengono comunicati telefonicamente da Aria e verificati da Ats e Asst.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it