Quantcast
Covid, nell'ultima settimana 2.049 nuovi casi a Bergamo: i dati Comune per Comune - BergamoNews
La mappa

Covid, nell’ultima settimana 2.049 nuovi casi a Bergamo: i dati Comune per Comune

Sono 213 in meno della settimana precedente che, invece, mostrava ancora una crescita: la media giornaliera di nuovi casi scende da 323 a 293.

Sono 2.049 i nuovi positivi al Covid individuati nell'ultima settimana (17-23 marzo) in provincia di Bergamo, in calo di 213 dalla settimana precedente che, invece, mostrava ancora una crescita: la media giornaliera di nuovi casi scende da 323 a 293.

"Ciò appare corroborare i segnali osservati la scorsa settimana, che mostravano un iniziale rallentamento della curva epidemica - spiegano Alberto Zucchi, Elvira Beato e Roberta Ciampichini, del servizio epidemiologico aziendale di Ats Bergamo -. Il valore di incidenza complessivo settimanale, a livello provinciale, scende dai 197 casi della scorsa settimana ai 178 per 100.000 abitanti del periodo in osservazione. Le aree critiche sono rappresentate tuttora dagli Ambiti confinanti con la provincia di Brescia e con quella di Cremona. In questa settimana la situazione di Valgoglio è rientrata (1 solo nuovo caso sugli ultimi 7 giorni, con tasso di incidenza pari a 1,7 per 1000 residenti)".

Il numero di Comuni con 0 (zero) casi incidenti (comuni con colore bianco nella mappa sottostante) sale da 47 a 49.

"In sintesi - continuano - la situazione complessiva della terza ondata in provincia di Bergamo pare tendere, superata anche una breve fase di plateau, al decremento, per ora è in fase iniziale e che necessita di consolidamento. La straordinaria resilienza dimostrata ancora una volta dai cittadini bergamaschi sta portando ad una situazione in cui i segnali di attenuazione dell'ondata epidemica sul territorio appaiono consolidarsi (a distanza di tempo seguirà anche l'attenuazione dell'impatto sulle strutture ospedaliere, ancora in fase di sofferenza per quanto riguarda i ricoveri ordinari e le terapie intensive). Ciò ci porta, a maggior ragione, a ribadire l'importanza di mantenere elevata l'attenzione sulla necessità di rispettare -e far rispettare- rigorosamente tutte le norme previste, in particolare sul distanziamento sociale e sull'utilizzo dei mezzi di protezione individuale (mascherina chirurgica -evitando se possibile quelle di stoffa non certificate-, lavaggio delle mani, etc), in famiglia e nelle situazioni extra-famigliari, in particolare per quanto è correlabile ai trasporti pubblici ed alla quota di attività didattiche in presenza, nonché ad altre situazioni in cui aumenta il rischio di contagio (mense, bar, ristoranti, negozi, etc.)".

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it