Quantcast
Da Parzanica lettera aperta sulla frana del Monte Saresano: "Aiutateci" - BergamoNews

Lettere

Isolati

Da Parzanica lettera aperta sulla frana del Monte Saresano: “Aiutateci”

Le poche attività presenti nel nostro paese danno segni di sofferenza: rifornirsi di prodotti alimentari, di materiali per l'edilizia, di foraggi e mangimi per le aziende agricole, di cibo per i tre allevamenti di cani di razza, tra l'altro senza acquirenti, è un'impresa ardua.

Sergio Radici si fa portavoce dei parzanichesi e manda un appello alle istituzioni e ai tecnici che si stanno occupando della frana che incombe su quest’area del Sebino.

Si fa presto a dire “portate ancora un po’ di pazienza, cercate di resistere ancora un po’”. Per noi Parzanichesi che da 26 giorni stiamo sopportando pesanti disagi di diverso genere, queste parole fanno fatica ad essere comprese. Bisogna infatti mettersi nei nostri panni.

Per raggiungere le nostre sedi di lavoro facciamo viaggi avventurosi su e giù per le strade di emergenza prive di protezioni e di illuminazione. Si arriva alla meta già stanchi per la guida che non consente distrazioni di sorta. Identico stress al rientro a casa. L’umore è nero e non si ha voglia di portar pazienza.

Ogni giorno aspettiamo la buona notizia: la riapertura della strada a lago, anche solo per qualche ora. Ma la speranza svanisce. I tecnici ci dicono che la condizione per riaprire il raccordo di Parzanica al transito è che si raggiunga un livello di movimento analogo alla precedente fase di pre allarme. Quando sarà non è dato saperlo. Dicono che l’unica certezza, documentata dal radar a terra, dalle mire ottiche e dai controlli giornalieri delle fessurazioni sulla strada, è che la frana sta rallentando. E questa di per sé è una buona notizia. Ma non basta.

Le poche attività presenti nel nostro paese danno segni di sofferenza: rifornirsi di prodotti alimentari, di materiali per l’edilizia, di foraggi e mangimi per le aziende agricole, di cibo per i tre allevamenti di cani di razza, tra l’altro senza acquirenti, è un’impresa ardua. Mancano turisti, residenti delle seconde case e clienti esterni che tenevano su l’economia dei due negozi, bloccato dal lockdown il servizio ristorazione dell’unica trattoria del paese e dell’agriturismo, le case vacanze non hanno ospiti. E quali le prospettive per i nostri studenti, piccoli e grandi, già penalizzati dal lungo lockdown? Come si vede il quadro è desolante.

Il nostro artigiano che stampa appendini da circa quarant’anni, è sull’orlo di chiudere. Stringe i denti e va su e giù dalla mulattiera di Portirone con un trattore carico di cartoni che scarica sul camion che lo attende sulla rivierasca. Manca che si rompa anche il trattore, e quel poco morale rimasto se ne va. Il titolare della storica falegnameria avviata agli inizi degli anni ’50 a Portirone, abita a Tavernola. Tutti i giorni fa il giro del lago, circa un’ora e mezza se va bene, per raggiungere il posto. Non si lamenta, ma non se la passa bene neppure lui. Ci hanno promesso che avrebbero messo una fermata del battello a Portirone con un pontile in sicurezza, ma finora nulla di fatto.

Siamo perfettamente consapevoli delle difficoltà, chiediamo solo alle Istituzioni e ai Tecnici di fare presto, non vogliamo che il paese si spopoli. Abbiamo fatto tanti sacrifici per restare in un paese montano come il nostro. Non vogliamo che questa fatica sia valsa a nulla.

Aiutateci.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
leggi anche
tavernola frana Devis Dori Ioris Pezzotti
Il sopralluogo
Tavernola: “Indispensabile lo stato d’emergenza per frana”. E la strada verrà riaperta
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI