A lenzerheide

Sci, Sofia Goggia vince la Coppa del Mondo di discesa libera

La 28enne orobica ha sfruttato la cancellazione della gara in programma nella mattinata di mercoledì 17 marzo, terminando la stagione con 70 punti di vantaggio sulla svizzera Corinne Suter

La fortuna ha spesso voltato le spalle a Sofia Goggia. L’infortunio a Garmisch-Parterkirchen è stato soltanto l’ultimo esempio di una lunga serie di episodi che hanno caratterizzato la carriera della 28enne bergamasca.

Se la frattura composta del piatto tibiale del ginocchio destro ha compromesso la partecipazione ai Mondiali di Cortina, la campionessa olimpica ha avuto modo di consolarsi con la vittoria della Coppa del Mondo di discesa libera.

Il ritorno repentino sugli sci ha aiutato soltanto in parte la fuoriclasse tricolore che, complice la cancellazione dell’ultima gara della stagione in programma a Lenzerheide, ha conquistato la seconda coppa di cristallo della carriera senza dover scendere in pista.

L’intensa perturbazione che si è abbattuta sulla località svizzera ha infatti costretto gli organizzatori ad annullare entrambe le prove cronometrate della vigilia, impedendo così anche la disputa della competizione in programma nella mattinata di mercoledì 17 marzo.

Dejavu.
Quello che succederà alle ore 11, stamattina!!! ❤️

Pubblicato da Sofia Goggia su Mercoledì 17 marzo 2021

Il repentino peggioramento ha impedito alle atlete di testare il fondo della “Silvano Beltrametti” ponendo fine alla lunga serie di rinvii e consegnando così il trofeo fra le braccia della finanziera orobica, vera regina della specialità.

Nonostante l’assenza in Val di Fassa, Sofia Goggia ha avuto modo di sfruttare l’ampio vantaggio accumulato sulle elvetiche Corinne Suter e Lara Gut-Behrami (distanti rispettivamente 70 e 97 punti), frutto di un ruolino di marcia impressionante che l’ha vista conquistare quattro successi consecutivi su cinque gare disputate.

Alla base dell’importante rendimento dell’azzurra vi sono stati due elementi fondamentali: la perfetta preparazione degli sci, arma strategica per adattarsi al meglio a tracciati e fondi diversi; ma anche la solidità mentale che caratterizza soltanto le vere campionesse e che le ha permesso di mantenere alta la concentrazioni anche nei periodi più duri della riabilitazione.

Il veloce percorso di recupero permetterà ora a Sofia Goggia di guardare agli ultimi appuntamenti dell’anno con fiducia, consapevole di poter esser nuovamente protagonista durante la stagione 2021-22 e di puntare così dritta alle Olimpiadi di Pechino dove avrà modo di coltivare il proprio sogno a cinque cerchi.

 

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI