Real Madrid-Atalanta, i bookmakers non vedono i nerazzurri "spacciati" - BergamoNews
Champions league

Real Madrid-Atalanta, i bookmakers non vedono i nerazzurri “spacciati”

Tutte le speranze di vedere un'italiana ai quarti di Champions sono riposte nei bergamaschi

Tutte le speranze di vedere un’italiana ai quarti di Champions sono riposte nell’Atalanta. Dopo l’eliminazione della Juventus, e con la Lazio quasi condannata, la Dea è l’unica ancora in gioco nonostante debba affrontare martedì sera a Madrid la squadra più vincente nella storia di questa competizione, partendo dalla sconfitta per 0-1 dell’andata.

Gli analisti di Stanleybet.it non vedono un gap incolmabile tra le due squadre, tanto che la vittoria dell’Atalanta è data a 3,40, quota non certo altissima. Due i risultati a disposizione degli spagnoli: il segno “1”, a 2,05, e il pareggio, a 3,75. Per avanzare senza andare ai supplementari all’Atalanta servono almeno due reti. L’1-2, con cui la Dea si assicurerebbe i quarti, si gioca a 12, così come lo 0-1 che però manderebbe le due squadre all’extra time. Il risultato più probabile è l’1-1 con cui il Real si qualificherebbe, e che paga 7 volte la posta giocata.

Situazione ben diversa per la Lazio, che dopo l’1-4 dell’andata ha ben poche speranze di remuntada contro i campioni in carica del Bayern Monaco. Visto il risultato di febbraio, sono almeno quattro le reti che gli uomini di Simone Inzaghi dovrebbero mettere a segno per sperare nel ribaltone. L’1-4, stesso risultato dell’andata ma invertito, paga però 101 volte la posta.

In ogni caso, la vittoria del Bayern è a un modesto 1,33 contro il “2” a 8,60. Interessante la quota del “goal” a 1,60: ci si aspetta almeno una rete anche dai biancocelesti, che non avendo nulla da perdere si lanceranno all’attacco. Il “no goal” si gioca invece a 2,13.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it