Niente Bernabeu, si gioca all'Alfredo Di Stefano: dentro la "Zingonia" del Real Madrid - BergamoNews
Lo stadio

Niente Bernabeu, si gioca all’Alfredo Di Stefano: dentro la “Zingonia” del Real Madrid

I lavori di ristrutturazione hanno fatto traslocare le partite dei Blancos nella "Ciudad Real Madrid", il meraviglioso centro sportivo del club.

Senza il pubblico sugli spalti, probabilmente, anche il Santiago Bernabeu non avrebbe fatto così paura: ma, seppur vuoto nei suoi 81mila posti, un po’ di tremolio alle gambe forse l’avrebbe comunque provocato.

La storica prima volta dell’Atalanta a Madrid, contro i Blancos, non sarà nella “fabbrica dei sogni” (come è soprannominato l’impianto), ma nel piccolo “Alfredo Di Stefano” di Valdebebas, all’interno del centro sportivo del club.

È un po’ la Zingonia del Real, sempre in continua evoluzione: una vera e propria città nella città, con campi da gioco, appartamenti per i calciatori e i giocatori della sezione basket o per i ragazzi delle giovanili, gli studi direzionali e quelli di Real Madrid Tv, il padiglione basket.

È qui che, da ormai quasi un anno, il Real disputa le sue partite casalinghe, per non interrompere i lavori di ristrutturazione del Santiago Bernabeu, oggetto di uno spettacolare restyling che non ne modificherà la capienza ma che ne stravolgerà invece l’aspetto.

Oggi cantiere a cielo aperto, una volta completato il Bernabeu si mostrerà in tutto il suo nuovo splendore:  dotato di ogni tipo di comfort, avrà un tetto a scomparsa e terreno di gioco retrattile, che lo trasformerà in pochissimo tempo in spazio per concerti o eventi senza che il manto erboso si danneggi.

Un’opera di ingegneria che prevede la creazione di una galleria sotterranea di circa 30 metri di profondità, nella quale scivoleranno, su un sistema a binari e come se si trattasse di un ascensore, le zolle del campo.

I lavori hanno subito una decisa accelerazione lo scorso anno, quando si è capito che ancora per lungo tempo le partite si sarebbero disputate a porte chiuse: trasferimento nel centro sportivo del club, abbonamenti rimborsati e la prospettiva di poter ritornare a giocare al Bernabeu già nella stagione 2022-2023.

Accantonata la suggestiva idea di giocare in una delle cattedrali del calcio europeo, mercoledì l’Atalanta farà dunque rotta sulla Ciudad Real Madrid di Valdebebas, alla periferia della città, nella quale è inserito lo stadio “Alfredo Di Stefano”, ammodernato quel tanto che basta per poter disputare lì campionato e partite europee: dalla nuova illuminazione a Led per adeguarsi alle trasmissioni in 4K all’installazione della tecnologia Var completa di monitor e telecamere, dettagli fondamentali per avere il benestare di Liga e Uefa.

Non sarà il Bernabeu, ma forse, un pochino, le gambe tremeranno lo stesso.

La Ciudad Real Madrid - foto Angel Martinez @Realmadrid.com
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it