Torino, Bergamo e Perugia: il bando per comunicare la scienza - BergamoNews
Per le scuole

Torino, Bergamo e Perugia: il bando per comunicare la scienza

GiovedìScienza, BergamoScienza e FameLab in rete per i giovani ricercatori

Tre importanti realtà italiane – GiovedìScienza, BergamoScienza e FameLab – fortemente impegnate nella comunicazione della scienza, hanno deciso di unirsi e collaborare per aiutare le giovani generazioni di ricercatori a diffondere i propri studi, moltiplicare le occasioni di formazione, i palcoscenici e le attività alle quali partecipare. Senza dimenticare gli appassionati di scienza adulti e giovani, e i ragazzi delle scuole in particolare, ai quali offrire sempre più numerosi momenti di conoscenza e di approfondimento. La prima occasione per unire le forze è data dal Premio Nazionale GiovedìScienza, un importante concorso dedicato ai ricercatori under 35, giunto alla decima edizione.

L’emergenza pandemica ha spinto molti cittadini, appassionati e neofiti, a partecipare a eventi, conferenze e dibattiti con un semplice click, e ha anche mostrato chiaramente quanto sia importante comunicare la scienza al pubblico e come i nuovi media stiano cambiando il rapporto tra pubblico e scienza. I giovani devono essere i protagonisti in questo processo, anche perché saranno gli scienziati del futuro.

Comunicare e disseminare i saperi è un aspetto sempre più importante della ricerca e richiede professionisti preparati. Su questo presupposto nasce l’idea di GiovedìScienza, BergamoScienza e FameLab di unire le forze per aiutare concretamente i giovani ricercatori, coinvolgere pubblici sempre più grandi e condividere idee e strategie.

La prima occasione di collaborazione è il Premio Nazionale GiovedìScienza, riservato ai ricercatori che operano sul territorio nazionale e che non hanno ancora compiuto 35 anni. Dopo una rigorosa selezione (a cui partecipano oltre 100 referees delle più svariate discipline) basata sul curriculum e sulla produzione di un testo divulgativo, nei primi giorni di maggio 10 finalisti saliranno su un palco per raccontare le loro ricerche davanti a una giuria tecnica di esperti e una giuria popolare, composta da studenti delle scuole secondarie di secondo grado. Avranno a disposizione solo poco più di 6 minuti e un massimo di 20 diapositive. Le giurie assegneranno due tra i quattro premi in denaro previsti, mentre gli altri due saranno decisi da un comitato tecnico.

Le scuole che fanno parte della giuria popolare seguono un percorso di formazione sulla comunicazione efficace, a cura di GiovedìScienza, e sono selezionate con l’aiuto dei partner: BergamoScienza indicherà un istituto di Bergamo, FameLab un istituto perugino e uno siciliano.

GiovedìScienza è un format di divulgazione scientifica nato 35 anni fa, che ha portato al grande pubblico la voce dei grandi maestri della scienza, così come dei più brillanti giovani ricercatori e comunicatori. Oltre 500 conferenze, 800 ore di scienza spettacolo, 589 conferenzieri coinvolti, 660.000 spettatori complessivi e oltre 2.300.000 visualizzazioni sul canale Youtube. Nell’ultima edizione ha sfruttato i vincoli dati dall’emergenza pandemica per produrre un nuovo formato interattivo di conferenze on-line, che hanno avuto grande successo di pubblico.
www.giovediscienza.it

Il Festival BergamoScienza è un evento di divulgazione scientifica nato nel 2003 che coinvolge ogni anno la città e la provincia di Bergamo in un programma ricco di iniziative che approfondiscono temi scientifici e tecnologici dai più svariati ambiti. Lo scopo principale è quello di rendere la scienza accessibile a tutti, soprattutto giovani e scuole, proponendo gratuitamente numerose conferenze, mostre, laboratori e spettacoli. Giunto alla sua XVIII edizione, il Festival ha abbondantemente superato 2.355.921 presenze, alternando sul palco 31 premi Nobel, più di 1.600 ricercatori e superando le 594.191 visualizzazioni nell’edizione digitale 2020.
Oltre il Festival, l’Associazione BergamoScienza propone ogni settimana live in streaming con la partecipazione di volti noti e apprezzati del panorama scientifico italiano e giovani divulgatori, per affrontare – fra scienza, comunicazione e filosofia – i grandi temi del nostro tempo, con uno sguardo rivolto non solo al passato ma anche e soprattutto al futuro.
www.bergamoscienza.it

Ideato nel 2005 dal Cheltenham Science Festival, FameLab si svolge in tutto il mondo e dal 2012 coinvolge anche l’Italia grazie alla collaborazione tra Psiquadro, coordinatore nazionale, e British Council Italia, l’ente culturale britannico che ne ha promosso la diffusione a livello globale. Nel 2021 FameLab Italia raggiunge il traguardo della decima edizione, dopo aver toccato negli anni 25 città e coinvolto circa 1000 giovani ricercatori grazie ad una collaborazione con più di 100 partner culturali tra Università, Istituti di Ricerca e enti pubblici, società di comunicazione della scienza, musei e media partner. Le città di FameLab Italia 2021: Ancona, Brescia, Camerino, Catania, Genova, Pisa, Sassari, Trieste.
www.famelab-italy.it

Torino, Bergamo e Perugia: insieme per comunicare la scienza
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it