Quantcast
Da lunedì la Lombardia torna zona rossa: è deciso - BergamoNews
L'annuncio

Da lunedì la Lombardia torna zona rossa: è deciso

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha confermato che firmerà l’ordinanza con il cambio di fascia.

Da lunedì 15 marzo, non nel weekend, la Lombardia cambia colore (ed è la sedicesima volta in 5 mesi). Torna rossa. La decisione, maturata negli ultimi giorni con la progressione dei numeri, è diventata ufficiale dopo il monitoraggio di venerdì mattina. Con il ministro della Salute Roberto Speranza che ha confermato che firmerà l’ordinanza con il cambio di fascia.

Commenta il presidente della Regione, Attilio Fontana: “La Lombardia purtroppo si prepara a diventare zona rossa. Ce lo dicono i dati, pur contenuti dalle scelte prese la settimana scorsa che sono servite a rallentare il virus. Mi auguro che sia l’ultimo sacrificio chiesto ai nostri cittadini perché poi spero che arrivino i vaccini necessari per iniziare la vaccinazione di massa, in modo che non debbano più esserci limitazioni alla nostra vita”.

Ecco le principali regole che ci riserviamo di aggiornare man mano che qualcosa cambia

Resta il divieto di circolazione dalle 22:00 alle 05:00

No spostamenti anche all’interno del proprio Comune, se non per comprovati motivi urgenti o di salute;

Sospensione dell’attività in presenza delle scuole di ogni ordine e grado, comprese le scuole dell’infanzia ed elementari. Resta garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali;

Chiusi i servizi alla persona come parrucchieri, barbieri e centri estetici;

Sono sospese le attività di commercio al dettaglio, fatta eccezione per la vendita di generi alimentari e di prima necessità;

Bar e ristoranti aperti solo con servizio da asporto e domicilio;

Restano le chiusure previste per i centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi;

Sono chiusi i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari;

Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie;

Permane la sospensione dell’attività in presenza nelle Università;

Fortemente raccomandato lo Smart Working dove possibile;

No seconde case, se non per comprovate esigenze;

Solo una persona per nucleo famigliare negli esercizi commerciali;

Non sono consentiti gli spostamenti verso le abitazioni private abitate ubicate nel territorio della Regione, fatti salvi gli spostamenti motivati da comprovate e gravi situazioni di necessità;

Le funzioni religiose con la partecipazione di persone si possono svolgere, purché nel rispetto dei protocolli sottoscritti dal Governo con le rispettive confessioni;
Non è consentito l’utilizzo delle aree attrezzate per gioco e sport;

Sempre consentita l’attività motoria e sportiva nei pressi della propria abitazione

Obbligo di indossare mascherine chirurgiche o presidi analoghi di protezione delle vie respiratorie sui mezzi di trasporto pubblici circolanti nel territorio della Regione Lombardia.

 

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it