Quantcast
Chirurgia plastica, Toffanetti: “Evitare gli eccessi, l’esito deve essere naturale” - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

Consigli di Chirurgia e Medicina Estetica

L'esperto

Chirurgia plastica, Toffanetti: “Evitare gli eccessi, l’esito deve essere naturale”

A chi volesse migliorare il proprio aspetto effettuando interventi o ritocchi gli esperti raccomandano di prestare attenzione all’equilibrio e all’armonia delle forme, alle proporzioni e all’eleganza dei lineamenti

Negli ultimi anni la chirurgia plastica è cambiata notevolmente. Le parole d’ordine non sono più cancellare o stravolgere ma attenuare, rimodellare e rivitalizzare: la tendenza è quella di evitare gli eccessi preferendo risultati più “naturali”.

A chi volesse migliorare il proprio aspetto effettuando interventi o ritocchi gli esperti raccomandano di prestare attenzione all’equilibrio e all’armonia delle forme, alle proporzioni e all’eleganza dei lineamenti. È fondamentale, dunque, rivolgersi a professionisti che valutino tutti questi aspetti e garantiscano un lavoro ottimale sia dal punto di vista tecnico sia per l’impatto che avrà a livello estetico e visivo. Il dottor Fabio Toffanetti, chirurgo plastico, ricostruttivo ed estetico con una lunga esperienza nel settore, evidenzia: “Ogni persona va vista nella sua interezza e nelle sue specifiche peculiarità. Il chirurgo ha l’obbligo di valutare i tessuti e deve sempre sapere come questi possano reagire: può realizzare un intervento tecnicamente perfetto, ma deve essere in grado di stabilire e prevedere il cedimento di un tessuto e il suo assestamento nel tempo. Nell’immediato di un’operazione è quasi impossibile vederne il risultato definitivo: appena eseguito, un intervento non mostrerà il risultato finale e avrà bisogno di un periodo di assestamento. Naturalmente l’esperienza è molto importante e aiuta a capire le reazioni che ogni paziente potrà avere in base a svariati fattori: l’età, l’elasticità dei tessuti, lo stile di vita. Ma l’esito finale non è mai prevedibile al 100%. Se si sottovaluta la biologia dei tessuti si rischia di andare incontro a degli insuccessi”.

Prestare attenzione alla sfera psicologica dei pazienti è fondamentale: “Comprendere le loro richieste – spiega l’esperto – è essenziale e per questo ritengo che sia estremamente utile svolgere dei colloqui conoscitivi prima dell’intervento. Personalmente ho l’abitudine di incontrare il paziente più volte: lo informo su tutto, gli invio l’informativa ed espongo anche eventuali situazioni negative perché voglio che sia consapevole sia dei benefici sia delle criticità dell’operazione. Bisogna sempre capire quali siano i suoi desideri e soprattutto se combacino con delle esigenze reali ed effettivamente realizzabili. È importante che il chirurgo plastico esegua i trattamenti e gli interventi solo se sono in grado di dare dei vantaggi effettivi in termini di benessere psico-fisico dell’individuo nella sua interezza. Farlo capire al paziente non è facile: spesso si rischia di perderlo però è fondamentale che si renda conto del fatto che il chirurgo sia un professionista impegnato ad ascoltarlo ma anche a guidarlo verso le scelte più corrette”.

Chirurgia plastica, Toffanetti

“La chirurgia plastica – prosegue il dottor Toffanetti – non è una gomma in grado di cancellare cicatrici e incidenti, semplicemente utilizza tecniche molto raffinate, che negli anni si sono evolute, per cercare di ripristinare un’alterazione morfologica (negli esiti di un trauma o di tumori) o di dare un miglioramento quando si tratta di inestetismi. Non tutti gli interventi sono fattibili, ci sono dei limiti ed è meglio evitare gli eccessi, anche se il paziente a volte non è pronto a capirlo: l’obiettivo di ogni trattamento o operazione è donargli un aspetto più fresco, ma l’esito dovrebbe essere del tutto naturale, cioè nessuno dovrebbe accorgersi che è stato effettuato un intervento”.

La professionalità del chirurgo a cui ci si rivolge fa la differenza. Il dottor Toffanetti conclude: “Bisogna tenersi in costante aggiornamento, seguire corsi e specializzarsi: non ci si può permettere di essere approssimativi e superficiali. I canoni estetici cambiano in base alle mode e ai tempi, alle culture e ai luoghi, mentre rimane invariato il desiderio della bellezza. Nel corso dei secoli le tecniche si sono affinate e oggi come oggi rivolgersi a un chirurgo preparato permette di effettuare lavori di qualità”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI