Cambiano le modalità di accesso ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate - BergamoNews

Fisco Facile

Fisco facile

Cambiano le modalità di accesso ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate

Dal 1° marzo le chiavi che i cittadini possono utilizzare per accedere ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate sono Spid, Carta d’identità elettronica e Carta nazionale dei servizi.

L’Agenzia delle Entrate si allinea con quanto previsto dal Decreto Semplificazione (DL n. 76/2020). Dal 1° marzo, pertanto, le chiavi che i cittadini possono utilizzare per accedere ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate sono Spid, Carta d’identità elettronica e Carta nazionale dei servizi.

Infatti, dal 1° marzo non è più possibile ottenere le credenziali di Fisconline, cioè quelle rilasciate direttamente dall’Agenzia. Quelle già in uso verranno progressivamente dismesse nei prossimi mesi. Per poter accedere quindi ai servizi diventa necessario dotarsi di una delle tre modalità di identificazione e autenticazione, SPID, CIE o CNS, riconosciute per i servizi on line di tutte le Pubbliche amministrazioni e che sono già utilizzabili per accedere ai servizi delle Entrate. Le informazioni sulle modalità per poter ottenere il Spid sono disponibili qui .

Le modalità ammesse

Lo Spid è il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Consiste di un sistema basato su credenziali personali che, grazie a delle verifiche di sicurezza, permettono di accedere ai servizi online della Pubblica amministrazione e dei privati aderenti. Per ottenere Spid è necessario scegliere uno dei gestori di identità digitale presenti sul sito https://www.spid.gov.it/richiedi-spid e seguire i passi indicati dalle varie procedure ai fini dell’identificazione.

La Cie è la nuova Carta di identità elettronica, che permette anche in questo caso al cittadino di identificarsi e autenticarsi con i massimi livelli di sicurezza ai servizi online degli enti che ne consentono l’utilizzo, sia Pubbliche amministrazioni che soggetti privati. La CIE è rilasciata dal Comune di residenza, per utilizzarla al meglio è importante assicurarsi di avere l’intero codice PIN della carta di identità elettronica e, in mancanza, richiederlo al proprio comune.

La Cns è la Carta Nazionale dei Servizi, che permette di accedere agli stessi servizi attraverso un dispositivo, che può essere una chiavetta USB o una smart card dotata di microchip.

Da quando decorrono le nuove modalità di accesso

I cittadini che utilizzano le credenziali di Fisconline, fornite dall’Agenzia, potranno continuare ad utilizzarle fino alla naturale scadenza (e comunque non oltre il 30 settembre 2021), dopo di che sarà necessario essere in possesso, a scelta, di uno dei tre strumenti citati.

I cittadini che già utilizzano Spid, Cie o Cns per accedere ai servizi telematici delle Entrate potranno continuare ad utilizzare i servizi senza interruzioni e senza modifiche.

Professionisti e le imprese

Per il momento nulla cambia per professionisti e imprese che potranno ancora richiedere le credenziali Entratel, Fisconline o Sister, rilasciate dall’Agenzia anche dopo il 1° marzo. La scadenza per questi soggetti sarà stabilita con un apposito decreto attuativo, come previsto dal Codice dell’amministrazione digitale.

leggi anche
  • Fisco facile
    Il lavoratore e il diritto di privacy sul Covid: le regole
  • Fisco facile
    Confermate tutte le agevolazioni edilizie: i bonus e come ottenerli
  • Fisco facile
    Lotteria degli scontrini: come partecipare e quali pagamenti sono esclusi
  • Fisco facile
    Il Bonus Renzi non c’è più: cosa l’ha sostituito e a chi spetta
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it