Serie A1, la Brixia di Giorgia Villa vince la tappa di Ancona - BergamoNews
Ginnastica artistica

Serie A1, la Brixia di Giorgia Villa vince la tappa di Ancona

La 18enne di Brembate ha completato un buon esercizio alle parallele (14.400 con 5.6 di D Score), cadendo però alla trave.

La corsa di Giorgia Villa verso le Olimpiadi di Tokyo 2021 riparte da Ancona.

Al rientro in pedana dopo la sosta invernale, la 18enne di Brembate ha condotto al successo la Brixia nella prima tappa della Serie A1 di ginnastica artistica.

Orfana di Alice D’Amato (bloccata da un risentimento alla cavaglia), la compagine allenata da Enrico Casella ha totalizzato 171.00 punti, infliggendone tredici di distacco alla Ginnastica Civitavecchia.

Alla ricerca della migliore condizione, la capitana delle Fate ha completato un buon esercizio alle parallele (14.400 con 5.6 di D Score), cadendo però alla trave.

Ad accendere un PalaRossini vuoto a causa dell’emergenza sanitaria ci ha però pensato Vanessa Ferrari, al ritorno nella competizione tricolore dopo quattro anni di assenza complice l’infortunio della compagna di squadra.

Sulle note di “Bella Ciao” la caporal maggiore di Orzinuovi ha emozionato gli appassionati sfoggiando un esercizio al corpo libero da 5.9 di D Score penalizzato soltanto da un errore sullo Tsukahara in terza diagonale, oltre a compiere un doppio avvitamento nel volteggio.

Guardando al futuro ottime notizie giungono dalla quattordicenne Angela Andreoli che ha stupito alle parallele (14.800 con 5.9 di D Score e tre decimi di bonus), prima di spazzare via la concorrenza sulla trave (6.4 come nota di partenza e 14.600 come punteggio finale).

Foto Federazione Ginnastica d’Italia

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it