Insulti a Liliana Segre, la solidarietà del coro "Goccia dopo Goccia": il video - BergamoNews
L'esibizione

Insulti a Liliana Segre, la solidarietà del coro “Goccia dopo Goccia”: il video

Il coro ha cantato 'Farfalla Gialla', una una poesia scritta dalla Maestra Elisa Gastaldon ispirata dalla farfalla che Liliana Sagre vedeva da bambina volare sui fili spinati di Auschwitz,  musicata dal Maestro Tullio Visioli

Minacce, insulti, commenti irripetibili. Sono quelli indirizzati nei giorni scorsi alla senatrice a vita Liliana Segre, dopo il vaccino che le è stato somministrato al Fatebenefratelli di Milano. Attraverso i social c’è chi si è lamentato del perché “lei sì e mia nonna no”, e chi le ha persino augurato reazioni avverse.

Tra le tante dimostrazioni di solidarietà nei confronti della senatrice a vita, c’è anche quella del coro giovanile bergamasco ‘Goccia dopo Goccia’, diretto dal maestro Pietro Vigani, che ha cantato ‘Farfalla Gialla’, una una poesia scritta dalla Maestra Elisa Gastaldon ispirandosi alla farfalla che Liliana Sagre vedeva da bambina volare sui fili spinati di Auschwitz,  musicata dal Maestro Tullio Visioli.

leggi anche
  • L'intervista
    Scorta a Liliana Segre, Bendotti (Isrec): “Fa rabbrividire”
  • L'intervista
    “La scorta a Liliana Segre, un campanello d’allarme per un Paese civile”
  • Cronaca di un giorno speciale
    “Io e le mie scarpe lucide per Liliana Segre: così anche gli haters li abbiamo sistemati”
  • Il caso
    Commissione anti razzismo di Liliana Segre: i distinguo dei senatori di Bergamo del centrodestra
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it