Treviglio, contributi a fondo perduto per le imprese: c'è il bando - BergamoNews
Dal 15 marzo

Treviglio, contributi a fondo perduto per le imprese: c’è il bando

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito del comune

“Una nuova opportunità per le imprese trevigliesi: abbiamo reso disponibili, con la seconda edizione del bando “Distretti urbani del Commercio per la ricostruzione territoriale urbana”, oltre 63mila euro di nuove risorse per finanziare a fondo perduto il 50% delle spese di investimento sostenute fin dallo scorso 5 maggio 2020. Sono rimasti invariati i criteri di finanziabilità ed il limite massimo, fissato in 4.000 euro. Abbiamo invece ridotto l’importo di ingresso a 500 euro di spese sostenute, di cui 250 di investimento”. Lo spiega il sindaco Juri Imeri in merito all’iniziativa per cui sarà possibile presentare domanda a partire dal prossimo 15 marzo.

Possono presentare domanda tutte le attività trevigliesi, anche quelle che hanno partecipato a precedenti edizioni di bandi gestiti dal Comune, compresa la prima edizione di questo bando. In questi casi il contributo, se assegnato, sarà ridotto del 50%.

Le richieste saranno liquidate, se ammissibili, in base all’ordine di presentazione delle domande.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito del comune e del Distretto del Commercio.
Il SUAP è contattabile agli indirizzi riportati in calce al bando per eventuali chiarimenti necessari prima della presentazione delle domande.

leggi anche
  • Lunedì pomeriggio
    Positivo al Covid, girava per le vie Treviglio: denunciato 25enne
  • Bassa
    Treviglio, via alle vaccinazioni in Fiera. La Rsa: “In campo per quelle a domicilio”
  • Con una stretta di mano
    “Cocaina a un detenuto di via Gleno”: in carcere noto avvocato di Treviglio
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it