“Dedicato a Bergamo”, BPER Banca dona alla città un concerto con Muti - BergamoNews
L'annuncio

“Dedicato a Bergamo”, BPER Banca dona alla città un concerto con Muti

Verrà registrato al Teatro Donizetti il 10 marzo sarà in streaming gratuito sul sito bper.it alle ore 11 del 21 marzo

Non poteva che essere introdotto dalle note del celebre “Don Pasquale” di Donizetti l’annuncio dell’arrivo a Bergamo di Riccardi Muti e dell’orchestra Cherubini, gioiello della musica italiana nel modo.

Saranno loro a portare il vento di primavera nella nostra città grazie a “Dedicato a Bergamo”, il concerto che BPER Banca dona alla città, prima tappa della tournée italiana organizzata da Ravenna Festival.

Le ragioni e il programma dell’iniziativa sono state presentate durante la conferenza stampa, rigorosamente in streaming, di sabato 6 marzo, a cui hanno partecipato Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, Antonio De Rosa, sovraintende di Ravenna Festival, Giorgio Berta, presidente della Fondazione Teatro Donizetti, Eugenio Tangerini e Stefano Rossetti di BPER BAnca.

I giovani musicisti dell’orchestra Cherubini inaugureranno dalla città di Bergamo una tournée che passerà anche per Napoli e Palermo. “Il concerto che dirigerò con l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini nel Teatro Donizetti di Bergamo è un dono che BPER Banca ha voluto dare alla città di Bergamo che tanto ha sofferto in questo periodo di drammatica e tragica pandemia”, spiega il Maestro Muti.

La tappa bergamasca verrà registrata al Teatro Donizetti il 10 marzo sarà in streaming gratuito sul sito bper.it alle ore 11 del 21 marzo e rimarrà disponibile per sessanta giorni, fino al 20 maggio. È stato infatti scelto il primo giorno di primavera per questo messaggio di rinascita che BPER Banca dedica alla città, un segno di attenzione e presenza – a un anno di distanza dal primo lockdown – per uno dei territori che hanno più sofferto. Proprio al Donizetti, nel 2016, Muti aveva celebrato cinquant’anni di carriera con la Sinfonia del Don Pasquale, “perché voglio lasciarvi tutti con il senso della speranza e del sorriso” aveva spiegato in quell’occasione.

Un desiderio che oggi sembra ancor più urgente e necessario: accanto a quella stessa Sinfonia, irrinunciabile omaggio al compositore bergamasco, il programma include l’imponente Eroica di Beethoven, solenne e commossa celebrazione degli ideali di eguaglianza, libertà e fraternità. Lo streaming sarà ospitato anche su ANSA.it, grazie alla partnership con l’agenzia nell’ambito del progetto “Ansa per la Cultura”, e su ravennafestival.live.

“La Città dei Mille è felice di accogliere l’Orchestra Cherubini e riabbracciare il Maestro Riccardo Muti, insignito della Medaglia d’oro della Città – ricorda il Sindaco Giorgio Gori – per aver contribuito, con la propria attività artistica, alla valorizzazione e promozione dell’opera di Gaetano Donizetti nel mondo”.

Parole di entusiasmo arrivano anche da Giorgio Berta, presidente della Fondazione Teatro Donizetti: “La Città è onorata di aprire le porte all’orchestra Cherubini e al Maestro Muti, che ritorna al teatro Donizetti dopo cinque anni. Oggi come allora, il suo arrivo è spinto da un’esigenza di normalità per tutte le persone”.

Sarebbe stato bello avere il nuovo Teatro Donizetti gremito di gente, ad applaudire il maestro Muti e tutti i giovani professionisti sul palco. Non sarà possibile ma i musicisti dell’orchestra Cherubini sapranno portare alla nostra città un vento di primavera e di speranza per il futuro e la nuova normalità che ci aspetta.

Più informazioni
leggi anche
  • L'iniziativa
    “Dedicato a Bergamo”: è online il concerto con Riccardo Muti donato da Bper Banca
  • L'iniziativa
    https://www.bergamonews.it/2021/03/21/dedicato-a-bergamo-e-online-il-concerto-con-riccardo-muti-donato-da-bper-banca/428906/
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it