Scontro tra auto e tram alla Martinella: soccorsa una donna - BergamoNews
Bergamo

Scontro tra auto e tram alla Martinella: soccorsa una donna

La Renault Scenic di una 45enne si è scontrata col tram delle valli ed è rimasta incastrata sui binari. Ritardi nella circolazione, attivati bus sostitutivi

Una donna di 45 anni di Nembro è rimasta leggermente ferita intorno alle 13.30 di venerdì in via Martinella a Bergamo: la sua auto, una Renault Scenic, si è scontrata col tram delle valli ed è rimasta incastrata sui binari.

Strada e linea ferroviaria sono rimaste bloccate. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco, l’ambulanza, la polizia locale, per soccorrere la donna e rilevare la dinamica dell’incidente. Sopraggiunto anche il personale della Teb.

Stando alle prime informazioni la Renault guidata dalla 45enne arrivava da via Corridoni, avrebbe svoltato verso via Martinella dove si sospetta non abbia rispettato la precedenza al tram.

Nell’impatto l’auto è stata trascinata per qualche metro, riportando dei danni alla fiancata. A bordo del tram c’erano invece una trentina di passeggeri, tutti illesi, manovratore compreso.

Nel frattempo Teb fa sapere che “è stato attivato un collegamento con autobus navetta sul tragitto Negrisoli-Ranica. Il servizio viene quindi effettuato lungo tutta la linea, con trasbordo nel suddetto tratto. Permangono ritardi nella circolazione”.

Intorno alle 17,30 la linea è stata liberata e il servizio è tornato progressivamente regolare.

leggi anche
  • Borgo palazzo
    Teb, un sistema a raggi Uv per sanificare i corrimani delle scale mobile del tram
  • La proposta
    Autostrada Treviglio-Bergamo? Meglio un’alternativa: il tram
  • Bergamo
    Bus, tram e funicolare pieni al 50%: le regole da seguire a bordo
  • A nembro
    Sul tram senza mascherina, richiamato dall’autista lo prende a calci: denunciato
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it