Il coraggio di osare: quando il colore condiziona la tua casa - BergamoNews
A cura di

Laboratorio Italiano Design

Laboratorio italiano design

Il coraggio di osare: quando il colore condiziona la tua casa

Nuovo appuntamento con la rubrica di interior design, in collaborazione con Laboratorio Italiano Design di Bergamo

Non esiste la formula perfetta, ma tralasciare la scelta più ovvia, osando e uscendo dagli schemi può dar vita ad un risultato finale sorprendete.

Stiamo parlando di colore: tema piuttosto ostico in ambito casa. La maggior parte delle persone è spesso tentata, ma quando si trova di fronte alla scelta finale, predilige tonalità quali i bianchi, i beige, i grigi, per paura che una opzione cromatica più accesa possa stancare.

In realtà non ritengo che questo concetto sia corretto; mi spiego meglio: siamo davvero sicuri che con il tempo una casa dai toni rassicuranti e pacati possa far mantenere elevata la capacità attrattiva che aveva in precedenza?

Non credo che un tocco di colore o meno possa annoiare, semmai è l’errato accostamento degli elementi che con il trascorrere del tempo può stridere e farci storcere il naso. Se si evitano le mode e si segue esattamente ciò che ci rappresenta, anche le scelte più audaci possono dar vita ad un ambiente armonico.

E poi…non spaventiamoci, si può sempre cambiare, anche perché le tinte accese sono spesso associate elementi – tessuti, componenti di arredo, pareti – che necessitano di rinnovamento col passare degli anni.

Ebbene sì: vi sto suggerendo di abbandonare i cliché e di vagliare l’opzione più ardita, almeno una volta; anche perché se tutti gli elementi che costituiranno la vostra abitazione – pareti, infissi, pavimenti, mobili, componenti di arredo, tessuti – sono ben abbinati, difficilmente si otterrà un risultato poco armonico.

S.R.
Press Officer Laboratorio Italiano Design

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it