A Bergamo debutta la prima scuola italiana di edilizia sostenibile - BergamoNews
Costruzioni

A Bergamo debutta la prima scuola italiana di edilizia sostenibile

L’organizzazione dei corsi e la loro gestione sono per larga parte a carico dell’azienda Vanoncini che, in questo modo, rende possibile, a chiunque lo desideri, accedere a competenze, sia teoriche sia pratiche, sempre più richieste dal mercato dell’edilizia.

Divulgare i concetti e le pratiche dell’edilizia sostenibile, al fine di offrire un contributo responsabile e concreto alla tutela dell’ambiente, alla riduzione di emissioni dannose e al risparmio energetico, diffondendo conoscenza e cultura di tecniche e materiali innovativi. È con questo ambizioso mandato che Vanoncini Edilizia Sostenibile Spa, la prima azienda in Italia ad avere introdotto l’edilizia con struttura e rivestimento a secco come sistema di costruzione sostenibile e antisismico, ha dato vita a una vera e propria Scuola dedicata a specialisti della progettazione, tecnici e artigiani posatori.

Si tratta di un’Academy con docenti qualificati, tra i quali, il Direttore Tecnico della società, Ingegner Mirko Berizzi, e ospiti autorevoli come Marco Imperadori, Professore Ordinario di Produzione Edilizia presso il Politecnico di Milano (Cattedra sostenuta da anni da Vanoncini). A questi vengono affiancati profili di grande esperienza operativa in cantiere, e dunque in grado di spiegare in maniera efficace, a una platea eterogenea, le metodologie di posa di materiali di ultima generazione a basso impatto ambientale.

La proposta formativa della Scuola di Edilizia Sostenibile, promossa e organizzata da Vanoncini, non si è fermata neanche durante il lockdown e le successive restrizioni, e ha dato vita a corsi sia in presenza (quando possibile e in piena sicurezza) sia da remoto, ai quali hanno preso parte centinaia di professionisti, ingegneri, architetti, geometri e artigiani. Il più recente, tenutosi lo scorso 18 febbraio 2021, ha registrato 250 adesioni in pochi giorni. 1550 è il numero dei partecipanti coinvolti nel 2020: il 60% in più rispetto all’anno precedente, anche grazie alla formula “webinar”.

“Uno dei nostri valori cardine – commenta Danilo Dadda, Amministratore Delegato di Vanoncini Edilizia Sostenibile Spa – è la formazione che intendiamo come percorso per il miglioramento delle competenze a livello sia teorico sia pratico. Per questo, anche sulla scorta del nostro passato, che ci ha visti e ci vede partner del Politecnico di Milano, dove lo stesso fondatore dell’azienda, Pietro Antonio Vanoncini, è stato docente alla cattedra di Produzione Edilizia, abbiamo deciso di permettere a un numero sempre maggiore di persone di acquisire, o affinare, competenze su un tipo di edilizia che oggi sta prendendo sempre più piede e rappresenta il futuro. Per noi si tratta di un vero e proprio fattore critico di successo: la condivisione del sapere non significa la perdita dell’esclusività, ma l’ampliamento delle possibilità”.

L’organizzazione dei corsi e la loro gestione sono per larga parte a carico dell’azienda che, in questo modo, rende possibile, a chiunque lo desideri, accedere a competenze, sia teoriche sia pratiche, sempre più richieste dal mercato dell’edilizia.

leggi anche
  • L'intervento
    Almenno San Bartolomeo, completati i lavori di consolidamento del muro in via IV Novembre
  • Camera di commercio
    Finanziamenti sotto forma di voucher per la ripresa economica
  • La partnership
    Allegrini scende in campo e veste i colori del Monza
  • Il caso
    Torre Pallavicina, nessuno stop al progetto per la Centralina idroelettrica
  • Cosmesi
    Kiko apre 300 negozi e crea mille posti di lavoro
  • Il bilancio
    Italmobiliare: utile di 31,5 milioni di euro, proposto dividendo di 0,65 euro per azione
  • Il caso
    https://www.bergamonews.it/2021/03/05/torre-pallavicina-nessuno-stop-al-progetto-per-la-centralina-idroelettrica/425113/
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it