Tradito dalla sua amata montagna, Giovanni muore a 56 anni - BergamoNews
La tragedia

Tradito dalla sua amata montagna, Giovanni muore a 56 anni

Giovanni Senocrate, originario di Gorno ma residente a Cerete Basso, è scivolato sul monte Alben ed è finito in un crepaccio di 300 metri

Le tante foto in vetta pubblicate su Facebook testimoniano la sua passione per la montagna. In particolare per il monte Alben, con due salite a febbraio e l’ultima solo tre giorni fa. Ha perso la vita a 56 anni proprio lì Giovanni Senocrate, su una delle cime che conosceva meglio.

La tragedia intorno alle 8 e mezza di martedì (2 marzo). L’uomo, originario di Gorno ma residente a Cerete Basso, era partito di prima mattina in compagnia di un ragazzo di 18 anni, amico di famiglia.

I due hanno raggiunto una zona impervia alle pendici della parete est dell’Alben, nei pressi del Santuario della Madonna del Frassino, a circa mille metri di quota. All’improvviso Senocrate ha messo male il piede su una lastra di ghiaccio ed è scivolato in un crepaccio per circa 300 metri.

Il giovane che era con lui è riuscito a evitare la caduta e, disperato, ha chiamato i soccorsi con il cellulare. Sul posto, difficilmente raggiungibile, sono potuti arrivare solo i tecnici del Soccorso Alpino che hanno recuperato il corpo del 56enne, ormai privo di vita.

Per gli accertamenti di legge sono intervenuti i carabinieri del comando di Clusone, che dopo aver appurato la dinamica della tragedia, hanno dato il nullaosta alla restituzione della salma alla famiglia.

Giovanni Senocrate, sposato e senza figli, dopo un passato come gestore di un bar di Gorno, lavorava come operaio in un’azienda di materie plastiche a Cerete.

leggi anche
  • L'incidente
    Oneta, scivola sul ghiaccio durante una passeggiata in montagna: muore 56enne
  • Bergamo
    Si sente male in stazione, senzatetto 50enne perde la vita
  • La disavventura
    Monte di Nese, si perde lungo un sentiero: 26enne salvata dal Soccorso alpino
  • L'intervento
    La pandemia è soprattutto donna, un altro 8 marzo con il virus
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it