Tavernola, 250mila euro per gli interventi anti-frana: "C'è cauto ottimismo" - BergamoNews
I fondi

Tavernola, 250mila euro per gli interventi anti-frana: “C’è cauto ottimismo”

Sostegno economico da Regione e dalle Comunità Montane Laghi Bergamaschi e Sebino Bresciano.

Regione Lombardia, attraverso la direzione generale Territorio e Protezione Civile, ha assicurato con 100 mila euro il supporto economico necessario ai tre comuni interessati dalla frana del monte Saresano – Tavernola Bergamasca, Vigolo e Parzanica per attività di coordinamento, monitoraggio e modellazione del dissesto richieste al consulente dei comuni e all’università Milano Bicocca. Lo comunica l’assessore al Territorio e protezione civile, Pietro Foroni.

Inoltre la Comunità Montana Laghi Bergamaschi, con il contributo della Direzione Territorio di altri 100.000 euro, ha attivato un pronto intervento di somma urgenza per la messa in sicurezza di una strada di emergenza, che consentirà nei prossimi giorni di risolvere la condizione di isolamento del Comune di Parzanica.

La Comunità Montana del Sebino Bresciano, con un contributo della Direzione Territorio di circa 25.000, e la Comunità montana dei Laghi bergamaschi, con altri 25 mila euro di contributo dalla direzione Territorio, stanno predisponendo il Piano di emergenza speditivo per i Comuni bresciani e bergamaschi con l’aiuto dell’Università di Brescia per la simulazione dell’onda anomala, che potrà colpire Montisola, le sponde bresciana e bergamasca, in caso di collasso totale della frana.

La Provincia di Bergamo, dovendo gestire la chiusura di due strade provinciali, ha attivato un monitoraggio in continuo dei movimenti della frana mediante una postazione radar da terra (InSAR) e fornirà alla Sala Operativa di PC avvisi di superamento soglie in caso di accelerazioni repentine dei movimenti;

Nella giornata di giovedì è pervenuta la relazione del professor Nicola Casagli, ordinario di geologia applicata del Centro di Competenza del Dipartimento nazionale della Protezione Civile, mentre nei prossimi giorni è atteso il secondo report dal geologo incaricato dai Comuni. Entrambi saranno portati all’attenzione degli enti locali coinvolti.

“Solo dopo ulteriori valutazioni e un confronto tra i due rilievi effettuati decideremo come intervenire – ha detto l’assessore Foroni -, per quanto riguarda le risultanze del primo studio ricevuto giovedì, possiamo dire che la situazione ci porta a essere tendenzialmente e cautamente più ottimisti, anche se è necessario prestare sempre la massima attenzione e non bisogna cedere assolutamente al rilassamento; anche il monitoraggio messo in atto è in linea con quanto richiesto in questi casi. Da parte nostra abbiamo assicurato da subito massima disponibilità alla collaborazione con gli amministratori locali, a tutela di tutti i residenti”.

leggi anche
  • Il geologo casagli
    Frana di Tavernola, l’esperto dopo il sopralluogo: “Situazione sotto controllo”
  • L'intervento
    “Tavernola, la montagna sta venendo giù: lo avevamo detto”
  • La preoccupazione
    Rischio frana a Tavernola, l’appello: non cercate di passare lungo le strade chiuse
  • Fenomeno grave
    Tavernola, preoccupazione per frana in movimento: strade chiuse e cementificio evacuato
  • Il punto
    Tavernola, provata la sirena dal campanile per l’eventuale evacuazione: ma è debole
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it