Nelle case dei residenti di Treviolo in arrivo l’opuscolo sui servizi digitali - BergamoNews
Il comune informa

Nelle case dei residenti di Treviolo in arrivo l’opuscolo sui servizi digitali

A tutti l’invito a partecipare alla serata informativa del 24 marzo

Nel giro di un anno il Comune di Treviolo ha fatto grandi passi avanti nel campo della digitalizzazione. Sono numerose le novità proposte alla cittadinanza e, per farle conoscere al meglio, l’assessorato all’Innovazione ha predisposto un opuscolo che racchiude tutti i servizi offerti e che sarà consegnato nelle cassette delle lettere di tutti i treviolesi a partire da lunedì 8 marzo.

Si tratta di una brochure esplicativa di tutto ciò che l’Amministrazione ha attivato negli ultimi 12 mesi in tema di digitalizzazione – spiega l’assessore di riferimento Martina Locatelli -. I servizi sono tanti ma poco conosciuti, così stiamo mettendo in atto diverse iniziative per aiutare la cittadinanza a capire e spingerla ad utilizzare questi canali. Una volta compreso il funzionamento infatti, possono essere molto utili per gli utenti e permettono di effettuare operazioni per le quali prima bisognava recarsi nei diversi uffici, direttamente dal proprio computer di casa, 7 giorni su 7, 24 ore al giorno. Un bel vantaggio se si considera anche il periodo di emergenza che stiamo vivendo: utilizzare i servizi digitali è anche un modo per proteggere se stessi e gli altri”.

All’interno dell’opuscolo i cittadini troveranno anche un invito a partecipare alla serata informativa online, in programma il 24 marzo alle 18, che sarà gestita dagli esperti di Globo, la società che ha collaborato con l’Amministrazione per l’attivazione di sito comunale e sportello telematico polifunzionale.

Nella brochure, realizzata con una grafica molto chiara e facilmente comprensibile anche da chi non ha molta dimestichezza con la tecnologia, ci sarà innanzitutto una definizione dell’identità digitale, il cosiddetto Spid, ora necessario per svolgere numerosissime pratiche legate agli enti pubblici. Sono poi illustrati il nuovo sito comunale e lo sportello telematico con tutti i servizi offerti; l’app Treviolo Smart con le sue funzioni e l’ultimo capitolo è dedicato al futuro, ovvero a ciò che l’assessorato all’Innovazione ha intenzione di realizzare entro la fine dell’anno. Tra questi il rilascio dello Spid da parte del Comune, l’ampliamento del servizio PagoPa, attualmente abilitato solo per tre tipi di pagamento, e l’integrazione del Comune sull’app IO, l’applicazione dei servizi pubblici, la stessa che attualmente gestisce il cashback e altri servizi della Pubblica Amministrazione.

Nel mese di aprile verrà attivato anche lo Sportello Digitale, un luogo fisico dove i cittadini potranno chiedere assistenza digitale per tutta una serie di operazioni come i pagamenti, l’apertura del fascicolo sanitario, la prenotazione di visite o del vaccino anti Covid – dichiara l’assessore Locatelli -. Lo scopo dello Sportello Digitale è duplice: da una parte si informa, dall’altra si insegna ai cittadini come gestire in autonomia i servizi offerti”.

Lo Sportello sarà gestito da un operatore comunale professionista e dai giovani volontari, che nel mese di marzo parteciperanno a serate di formazione con gli esperti della Globo e saranno quindi preparati a rispondere a tutte le domande da parte dell’utenza.

ARTICOLO A CURA DEL COMUNE DI TREVIOLO
Più informazioni
leggi anche
  • L'appello
    Commercio abusivo e vendita illegale di fiori, Ascom chiede più controlli
  • Il book
    Migliori parrucchieri d’Italia: nella guida ci sono tre bergamaschi
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it